Dakar

Vedi Tutte
Dakar

Dakar 2016, Loeb: «Io e Peugeot verso l'ignoto»

Dakar 2016, Loeb: «Io e Peugeot verso l'ignoto»

Il 9 volte campione del mondiale rally alla sua prima Dakar: «Da tempo volevo gareggiarci per scoprire l’avventura e fare qualcosa di diverso. Stavolta lotteremo con i primi»

Sullo stesso argomento

 Pasquale Di Santillo

martedì 29 dicembre 2015 08:47

ROMA - Attenzione, il Cannibale è tornato. L’uomo dei nove titoli mondiali di fila nel rally rientra nell’habitat a lui congeniale, la terra, dopo un paio di stagioni passate a divertirsi in pista. E poco importa se la terra stavolta ha le sembianze dei granelli di sabbia della Dakar 2016. Magari non saranno proprio dune come una volta, ma due settimane tra Argentina, Perù e Bolivia faranno respirare a Sebastien Loeb quell’atmosfera unica dell’avventura, che in fondo l’alsaziano conosce alla perfezione.

Loeb, perché ha accettato di fare la Dakar con Peugeot dopo 15 anni di Citroën?
«Semplicemente perché da tempo avevo voglia di farla. Mi attirava una nuova esperienza, l’avventura, scoprire qualcosa di diverso. Ho avuto i primi contatti con Peugeot l’anno scorso, ma era presto, avevo altri impegni in WTCC. Quest’anno ci siamo parlati prima decidendo di fare delle prove per vedere cosa poteva venir fuori. Ho avuto la possibilità di guidare più volte la macchina, mi è piaciuta. E alla fine ha vinto l’idea di partecipare ad un’avventura».

Rally, WTCC, 24 Ore di LeMans: dove si sente veramente a casa?
«Fondamentalmente sono un pilota di rally, dove ho fatto la maggior parte della mia carriera e dove mi sento più a mio agio. Le qualità di un pilota da rally sono un po’ diverse da quelle di un pilota da circuito, in cui si è sempre alla ricerca della perfezione, del minimo dettaglio. Bisogna ottimizzare tutto, bisogna lavorare molto sul set-up, sui dati acquisiti... Per me invece il rally è un po’ più naturale, è un pilotaggio più istintivo, penso di essere fatto più per questo. E spero di ritrovare queste sensazioni nella Dakar».

Dakar 2016, da Buenos Aires a... casa di Leo Messi

Cosa le rimane dei 9 Mondiali conquistati nei rally con Citroën e dell’esperienza nel WTCC?
«I titoli sono un ricordo meraviglioso, come tutto quello che abbiamo fatto con Citroën, comprese le 2 stagioni nel WTCC. Mi è sempre piaciuto cambiare e scoprire altre cose e, a partire dal momento in cui ho deciso di smettere di correre nei rally, mi sono interessato ai circuiti. Nel WTCC ho fatto un’esperienza che mi ha completato come pilota. Mi dispiace non aver vinto il Mondiale ma sono contento di aver lottato sempre con i primi, è stata una tappa importante per me. Ora penso a nuove sfide. Non ho alcun rimpianto, solo bei ricordi». 

Cosa si aspetta da questa esperienza alla Dakar, ha un obiettivo preciso?
«Intanto spero di divertirmi. E’ una corsa che non conosco. Penso possa essere qualcosa a metà strada tra i rally e la pista. Preparazione, certo ma anche tanta improvvisazione, molto lavoro con il copilota per la navigazione. E l’avventura. Non posso dire di essermi prefisso un obiettivo preciso per via delle troppe variabili che entrano in gioco. Di certo la nostra vettura è competitiva e spero di riuscire a tenere il ritmo dei migliori».

Dakar, una storia di gloria e tragedie

Qual è l’aspetto che teme di più della Dakar?
«Il fatto di partire davanti all’ignoto: si può rimanere intrappolati per un tratto di strada percorso male e perdere facilmente molto tempo in una situazione del genere. Immagino che 5.500 km di speciali siano pieni di trappole di questo tipo. Dovrò sapere leggere tutto questo e mettermi sulla difensiva quando necessario. Il percorso? E’ la prima volta, non ho termini di paragone. So che in Argentina ci saranno delle strade che in teoria assomigliano un po’ a dei percorsi che ho affrontato nel WRC. Poi lunghi tratti sabbiosi, ma siamo piloti e dobbiamo essere pronti ad adattarci al percorso che ci viene proposto e a fare del nostro meglio in gara».

Quindici giorni di competizione consecutiva, quasi 9.000 km da percorrere: come si è preparato per questa avventura?
«Effettivamente 9.000 km non sono uno scherzo, dunque a livello di preparazione ho cercato di praticare un po’ più di sport di prima, ho dormito qualche volta in tenda ad alta quota per allenarmi all’altitudine. Ma non c’è una preparazione precisa da seguire, ognuno fa come crede per arrivre in forma. L’alimentazione è la solita. Si mangia normalmente, poi dopo la corsa si reintegra con barrette e bevande energetiche, pasta, zuccheri a lento assorbimento».

Quanto ha testato la Peugeot 2008 DKR?
«Ho cominciato con una prova della 2008 DKR 2015+, a metà anno, poi il Rally del Marocco. Infine è toccato alla versione 2016: ho partecipato a 2 o 3 sessioni di prove di preparazione della Dakar. Ma con la vettura con cui correremo, ho fatto solo un test di pochi chilometri il 16 dicembre per la ricerca e l’eliminazione degli errori ...».

Come ha trovato e cosa pensa della Peugeot che le hanno messo a disposizione? 
«Ho trovato una vettura meno agile di quella del WRC perché sono necessarie caratteristiche diverse. Ci sono guadi e superamenti che permettono di anticipare, passare sopra alcune trappole senza necessariamente uscire di strada. Di fatto è una vettura capace di assorbire tantissime cose. Tra la versione 2015 e quella 2016 c’è stata un’enorme evoluzione, a livello di agilità, potenza, peso, grip generale e stabilità. La vettura è molto migliorata, il che ci fa pensare, almeno sperare, che sia davvero competitiva rispetto alla concorrenza. Le sensazioni sono davvero positive».

Quali sono i punti di forza e quelli deboli della Peugeot 2008 DKR?
«Corriamo nella categoria 2 ruote motrici quindi ha un assorbimento delle sospensioni davvero enorme che permette di superare grosse gibbosità. Abbiamo un peso inferiore a quello delle nostre dirette concorrenti che sono le 4x4. C’è d migliorare nel compromesso tra la capacità di assorbimento e il rollio, il movimento della macchina che richiede un certo adattamento di guida».

Pensa che le distanze dalla concorrenza, rispetto al debutto del 2015, si siano ridotte?
«Tra 2 e 4 ruote motrici vantaggi e svantaggi si bilanciano, lo scarto è ridotto. Sappiamo che su certi terreni andiamo meglio della concorrenza, altri invece sono favorevoli ai rivali. Spero che il lavoro fatto sulla vettura abbia permesso di colmare una parte di questo divario. Noi speriamo di lottare per le prime posizioni».

Articoli correlati

Commenti