Mercato

Vedi Tutte
Mercato

Mercato moto Italia, a luglio cala del 7,7%

Mercato moto Italia, a luglio cala del 7,7%

Nei primi 7 mesi del 2016 il mercato italiano di moto e scooter ha totalizzato138.883 immatricolazioni, segnando un +11,4% rispetto allo stesso periodo del 2015

Sullo stesso argomento

 

martedì 2 agosto 2016 11:35

ROMA – A luglio le immatricolazioni delle due ruote motorizzate con cilindrata superiore a 50cc hanno totalizzato di 22.368 veicoli, cioè un -7,7% rispetto al luglio 2015. Il comparto degli scooter ha chiuso invece con 14.827 pezzi segnando un -11,7%, mentre le moto hanno realizzato 7.541 unità e un +1,2%. I 50cc subiscono un’inversione di tendenza, con 3.003 registrazioni nel mese di luglio, -14,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Il mese di luglio pesa oltre il 13% del totale venduto nell'anno. Nei primi sette mesi del 2016 il mercato italiano delle due ruote motorizzate ha totalizzato 138.883 immatricolazioni con un incremento del +11,4% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Gli scooter hanno raggiunto quota di 81.865 unità e segnano un +6,9%, mentre le moto mostrano un andamento ancora più dinamico con 57.017 pezzi, pari al +18,6%. Nello stesso periodo i ciclomotori (moto e scooter 50cc) sono in leggero arretramento con 15.044 registrazioni, pari al -2,5%. Da gennaio a luglio 2016 in Italia sono state vendute complessivamente 153.927 due ruote a motore (immatricolazioni + 50cc), con un incremento di volumi pari al +9,8% rispetto ai primi 7 mesi dell'anno scorso.

Gli scooter 125cc si confermano il comparto principale, con 29.386 veicoli e un +10,2% rispetto allo scorso anno. Seguono gli scooter 300-500cc con 26.323 unità e un +5,8%. Più contenuta la crescita dei 150-250cc con 19.159 pezzi e un +3,5%. Buono l’andamento dei maxi-scooter oltre 500cc con 6.997 immatricolazioni e un +6,5% rispetto allo stesso periodo del 2015.

Il settore moto presenta uno scenario sempre con il segno più: si va dal segmento più importante delle moto tra 800 e 1000cc in forte accelerazione con 17.825 unità e un +21,8%. Seguite dalle oltre 1.000cc con 16.386 moto e un +10,1%. Le medie cilindrate, tra 650 e 750cc, hanno venduto 10.005 pezzi pari al +10,8%; mentre i 300-600cc totalizzano 6.884 pezzi pari al +38,9%. Nelle piccole cilindrate i modelli da 150 a 250cc realizzano 1.619 vendite con un aumento del +9%, mentre risulta molto vivace la ripresa delle 125cc che con 4.299 moto registrano un incremento pari al +38,5%.

Dall'analisi dei segmenti moto, emerge la leadership delle naked con 20.302 vendite e un +20,7%, seguite dalle enduro stradali con 18.688 pezzi e un significativo +28,4%. Le moto da turismo con 6.680 unità ottengono solo un +2,1%, mentre le custom con 5.357 pezzi crescono di un +12,8%. Qualche decina di unità in meno per le sportive con 3.057 moto e un -1,8%, al contrario delle supermotard che con 2.156 moto accelerano del +39,1%.

Articoli correlati

Commenti