Mercato

Vedi Tutte
Mercato

Be-Free, il noleggio a lungo termine targato Fiat

Be-Free, il noleggio a lungo termine targato Fiat

Si potranno noleggiare per quattro anni sia la Fiat 500 che tutte le versioni della nuova Fiat Tipo ad un canone fisso rispettivamente di 199 euro e 249 euro

Sullo stesso argomento

di Pasquale Di Santillo

mercoledì 2 novembre 2016 15:00

Non vi potete permettere di acquistare la macchina nuova per non pesare sul vostro bilancio familiare? Da oggi e per un mese la Fiat mette a disposizione uno strumento in più, un noleggio a lungo termine, a cifre molto interessanti. In un’Italia alle prese con difficoltà e problemi, sempre più pressanti, e dove inevitabilmente la domanda di automobili da parte dei privati, che siano famiglie o giovani, si sta assottigliando in maniera peoccupante vicino alla soglia di crescita zero, nonostante i numeri positivi del mercato di questi ultimi due anni, si potranno noleggiare per quattro anni (con possibilità di recesso dal tredicesimo mese) sia la Fiat 500 che tutte le versioni della nuova Fiat Tipo (4, 5 porte e station wagon) ad un canone fisso rispettivamente di 199 euro e 249 euro, iva inclusa, comprensivi di assicurazione RCA, bollo e assistenza stradale.

Una strategia aggressiva che consentirà a Fiat di assicurarsi numeri importanti negli ultimi due mesi, inserendo il turbo per un’accelerazione per il mercato che verrà nel 2017. A spiegare l’iniziativa - peraltro già partita dal 23 ottobre su 500 - in un’affollata conference call telefonica da Torino è stato Gianluca Italia responsabile del Business Center Italia, cioè il n.1 commerciale di tutti i brand del Gruppo FCA. «Si tratta di un’iniziativa importante per noi - spiega Italia -. Non è uno spot, ma un investimento chiave dell’azienda. Che nasce proprio dall’esigenza di mettere a disposizione del cliente un prodotto senza pensieri, libero, “Be Free” appunto, come il nome del servizio innovativo servizio lanciato insieme a Leasys, società di noleggio e di mobility del Gruppo FCA Bank. Perchè alle nostre condizioni c’è davvero solo da preoccuparsi di mettere il carburante».

La riflessione di Italia e di tutta FCA è stata molto più profonda. «In questi mesi - spiega - ci siamo resi conto di dover provare a modificare in maniera rilevante la nostra politica commerciale a fronte dei numeri in calo della clientela privata. Se il mercato sta crescendo del 17%, i privati lo hanno fatto del 16%, con una progressione negativa iniziata con un +30% nel primo trimestre, dimezzatasi nel secondo e ora scesa molto, quasi appiattita verso il fondo. E se è vero che come FCA siamo cresciuti del 24%, restiamo comunque peoccupati per la quota dei privati. E da qui siamo partiti per decidere di fare qualcosa. Con Be free vogliamo rigenerare la domanda dei privati, un obiettivo strategico che a livello di ...tattica viene affrontiamo on questo noleggio a lungo termine. E la risposta dei clienti è stata notevole. Con 500 abbiamo iniziato il 23 ottobre e ad oggi contiamo 2000 preventivi, 300 contratti, di cui ben 2/3 delle versioni piùà accessoriate...».

Nel dettaglio, alla fine del primo anno di contratto, dal tredicesimo mese si può recedere dal noleggio senza pagamento di penali. E la cosa si può decidere alle stesse condizioni alla fine di ogni anno di noleggio. Si può anche decidere di acquistare la macchina e si pagherà il prezzo dell’usato del momento. È’ un’iniziativa che viaggia in maniera indipendente e non è cumulabile con altre promozioni o sconti, come non è prevista la restituzione. In più non essendo richiesto un anticipo, ufficialmente non è previsto il ritiro di un eventuale usato di appartenenza al cliente, ma i concessionari potranno trattare l’acquisto dell’usato. Al momento, Torino non prevede (o non vuole far sapere) dell’eventuale estensione dell’iniziativa agli altri brand del Gruppo FCA come Alfa Romeo e Abarth, come non è stata considerata la possibilità di protrarre il tutto anche nel periodo natalizio o di replicarla nel 2017. Ma se dovesse funzionare come pare funzioni, è difficile pensare non si sfrutti l’opportunità.

Articoli correlati

Commenti