Lazio: zona gialla o arancione? La regione in bilico, oggi la decisione

Ancora restrizioni agli spostamenti e chiusure da lunedì 22 febbraio? L’assessore alla Sanità  D’Amato è ottimista ma il bollettino del venerdì sarà decisivo
Lazio: zona gialla o arancione? La regione in bilico, oggi la decisione
TagsLaziozona giallazona arancione

Purtroppo per il Lazio, la permanenza in zona gialla potrebbe interrompersi presto. Infatti, dopo la sua riclassificazione nelle scorse settimane dovuta ad un calo dei contagi e un indice Rt inferiore all’1 - quella che definisce la soglia di basso rischio contagi covid -, ecco che la regione potrebbe colorarsi nuovamente di arancione a causa di una presunta risalita dell’indice.

Spostamenti tra regioni, nuovo Dpcm: vietati fino al 25 febbraio

Da lunedì 22 si torna arancioni?

Nei giorni scorsi, infatti, a preoccupare è stato soprattutto il dato Rt che più volte è stato attestato attorno allo 0.95 con intervalli tra 0.93 e 0.99, dunque, di poco inferiori al limite consentito per la permanenza in zona gialla. Il Lazio, quindi, si troverebbe pericolosamente in bilico tra i due colori, anche se l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato, si è dichiarato ottimista per quel che riguarda la permanenza nella zona attuale:

Dai dati in nostro possesso del monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) il Lazio dovrebbe rimanere in zona gialla con un valore Rt a 0.95, una riduzione del numero dei nuovi focolai, una riduzione del tasso di occupazione dei posti letto totali di terapia intensiva e di quelli in area medica entrambi al di sotto delle soglie di allerta. Inoltre vi è una riduzione dell’incidenza per 100 mila abitanti. […] Ovviamente – ha poi ribadito D’Amato - attenderemo le valutazioni finali dell’ISS e del Ministero della Salute.”

Valutazioni, appunto, attese come di consueto nella giornata odierna, con la regione che ieri ha chiuso la giornata con 1025 casi totali e 41 morti. Mentre per l’intero territorio italiano si sono registrati 13.762 nuovi casi – meno rispetto alla scorsa settimana -, 20.008 posti letto occupati e 347 nuovi decessi. Frutto anche della nuova ondata di “variante inglese” che sta preoccupando gli esperti in questi ultimi giorni.

BAR E RISTORANTI: LE NUOVE RESTRIZIONI

Se il ritorno in tinte arancio dovesse palesarsi già a partire da questo lunedì, la speranza di continuare a vedere alcune attività aperte – tra cui bar e ristoranti – verrà sicuramente meno.

Secondo quanto riportato dal Governo, infatti, in zona arancione, le attività ristorative dovranno ritornare con la somministrazione solo ed esclusivamente con asporto - dalle 5.00 alle 22.00 - oppure con la consegna di cibi e bevande a domicilio e in nessun modo potranno far consumare i clienti all’interno dei locali. Inoltre, non saranno neanche più consentiti gli spostamenti tra comuni.

Tuttavia, per capire se tutto ciò tornerà a far parte della routine di molti cittadini laziali non ci resta che attendere il bollettino ufficiale previsto per la serata di oggi.

Zona gialla, arancione e rossa, spostamenti in auto: chi può salire in macchina?

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti