IWR Automotive di Roma: l’arte risponde alla crisi dei chip

In un momento difficile per il settore, la concessionaria amplia la sua offerta con appuntamenti dedicati all’arte contemporanea
IWR Automotive di Roma: l’arte risponde alla crisi dei chip
2 min

Rispondere alla crisi con l’arte, reagire alla mancanza di microchip - che ha compromesso montaggio e produzione in tutto il mondo - cambiando l’offerta da proporre al cliente: è la strategia che la concessionaria IWR Automotive di Roma, nelle due sedi di via della Magliana 309 e di via Leonida Bissolati 70, sta mettendo in atto in un momento non certo facile per il mondo dell’automotive. A idearla, l’amministratore delegato Valentina De Paolis, che ha deciso di ampliare l’offerta per continuare a proporre la concessionaria come punto di riferimento per gli appassionati di auto di lusso. La sera del 23 settembre 2021, a due passi da via Veneto a Roma, è andato quindi in scena il secondo degli appuntamenti dedicati all’arte contemporanea organizzati proprio da IWR Jaguar Land Rover .

La serata

L’ambiente underground della sede di via Leonida Bissolati ha aperto le porte alla mostra TRACKS dell’artista Mattia Morelli, capace di accostare, nelle sue opere, il mondo dell’automobilismo e quello dell’arte contemporanea. Sulle note di un esclusivo dj set, l’aperitivo ha permesso agli appassionati di usufruire dei test drive delle auto apprezzate, con un’attenzione particolare all’elettrica I-Pace, la Suv innovativa con la quale Jaguar guarda al futuro e alla sostenibilità.

I test drive

Grande successo soprattutto per i test drive che sono stati proposti nel corso della serata, "asset fondamentale della nostra azienda", secondo De Paolis. "Oltre ai test drive, cerchiamo di continuare a garantire la mobilità ai nostri clienti. Abbiamo sviluppato una business unit che propone servizi relativi al noleggio a breve termine nella speranza di poter continuare ad accontentare i nostri clienti più importanti". Perché, se da un lato è impossibile consegnare autovetture a stretto giro, dall’altro è fondamentale restare punto di riferimento di stile e bellezza, oltre che di mezzi a disposizione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA