MondoMotori

Vedi Tutte
MondoMotori

Urine al posto di benzina e diesel per fare il pieno

Urine al posto di benzina e diesel per fare il pieno

Nell’ateneo del West of England di Bristol un team di ricercatori ha messo a punto un sistema per ricavare energia elettrica dall’urina umana

Sullo stesso argomento

di Alessandro Vai

mercoledì 27 luglio 2016 12:22

ROMA – Le auto del futuro non saranno più alimentate con la benzina o il gasolio ma con le urine. Non è fantascienza, ma una possibilità concreta che attualmente è allo stadio di ricerca Universitaria. Nell’ateneo del West of England di Bristol, infatti, un team di ricercatori ha messo a punto un sistema per ricavare energia elettrica dall’urina umana. Lo racconta il sito web della BBC che ha documentato l’ultimo esperimento svoltosi in concomitanza di un festival musicale a Glastonbury, dove sono stati installati degli speciali “vespasiani” per raccogliere l’urina e non disperderla nel sistema fognario.

A questo punto il liquido entrava in un sistema a celle combustibile microbico (MFC), che utilizza i microrganismi per generare energia come parte del loro processo metabolico. Questo avviene perché l’urina è fatta da diversi elementi chimici in soluzione che, se usati nel modo giusto, possono portare a un rendimento del 60%; un dato che secondo il Prof. Ioannis Ieropoulos, capo del team di ricerca, può migliorare molto. Tornando all’esperimento, è stato possibile alimentare le lampadine a LED con cui venivano illuminate le bancarelle.

Per le auto ci vorrà un po’ più di tempo, visto che attualmente per caricare la batteria di un modello elettrico ci vorrebbe il contributo di circa 100 persone. Tuttavia, ci sono anche altre possibilità, come quella di usare «urina e altri rifiuti organici per alimentare le auto convenzionale, mescolando questi fluidi con l’alcol». L’idea appare promettente, tanto che il team ha il sostegno della Fondazione Bill e Melinda Gates. Chissà, forse l’idea di Robert Zemeckis di alimentare la DeLorean di Ritorno al Futuro con l’immondizia non era così irrealizzabile. 

Articoli correlati

Commenti