Mercato, il calo europeo colpa delle scelte UE

I più grandi mercati europei,  UK, Francia, Italia e Spagna lo scorso anno hanno venduto meno di quello precedente. A salvarsi solo la Germania
Mercato, il calo europeo colpa delle scelte UE© ANSA
2 min
Massimo Ghenzer

Il mercato europeo nel 2022 chiude a 11.286.399 automobili consegnate, mezzo milione in meno rispetto al 2021. I cinque mercati più grandi: Germania, UK, Francia, Italia e Spagna - insomma, tutti escluso la Germania - lo scorso anno hanno venduto meno di quello precedente. La mappa del mercato rivela una forte leadership della Germania. Questo Paese, grande produttore di auto, che guida con il gruppo VW, Mercedes e BMW, la strategia dell’industria automobilistica nel Continente europeo ha consegnato 2.651.357, il doppio dell’Italia, nel 2022, ovvero 1,1% in più del 2021. I costruttori tedeschi, insieme, vendono il 38% del mercato europeo, e la parte più ricca del mercato stesso. I produttori francesi con Stellantis e Renault vendono il 28,2% del mercato. Una bella fetta, ma meno ricca di quella dei tedeschi. Stellantis non si può definire francese al 100% ma il suo cervello strategico per l’Europa sta a Parigi. Tuttavia, il suo Brand Jeep, che poi è quello che realizza la maggior parte dei profitti, è essenzialmente americano e opera da Detroit.

I coreani della Hyundai continuano a crescere in volume e quota e nel 2022 hanno venduto l’8,8% del mercato europeo. Anche Toyota cresce in volume e quota e nel 2022 si è attestata al 6,4% del mercato. Prima della pandemia il mercato europeo viaggiava tra 14-15 milioni di auto vendute. I volumi attuali così bassi, pongono un tema di vitale importanza che non trova risposta, finora, nelle iniziative dei Governi e della UE. Per rinnovare il parco circolante, colmo di vetture vecchie, inquinanti e poco sicure ci vorranno parecchi anni, decisamente troppi. Da una parte si spinge fortemente sulle vetture elettriche per realizzare il miglioramento delle emissioni, di contro si consegnano 3-4 milioni di vetture in meno ogni anno, migliorando solo marginalmente il livello di CO2 medio emesso dal parco circolante. Si è affrontato il nemico sbagliato. Il nemico vero è il parco circolante che va sostituito il più velocemente possibile per ridurre l’inquinamento. Va sostituito con automobili moderne, non soltanto elettriche, che sono decisamente più efficienti


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti