News motori

Vedi Tutte
News motori

Renault rilancia l'Alpine, ecco la Vision, erede della A110

Renault rilancia l'Alpine, ecco la Vision, erede della A110

Dopo il ritorno in Formula 1 il marchio francese rilancia il marchio sportivo Alpine presentanto a Montecarlo la Vision concpet: il modello di serie in vendita dal 2017.

Sullo stesso argomento

dal nostro inviato Pasquale Di Santillo

martedì 16 febbraio 2016 15:40

Atmosfera delle grandi occasioni a Montecarlo. Rinasce l'Alpine e si scomodano anche il principe Alberto di Monaco e Lord March, patron del Festival di Goodwood, per celebrare un evento trasversale che sa di sport, di leggenda, di passione e industria. La nuova Alpine Vision, targata più che mai Renault, fa rivivere le emozioni di quei 18 anni di autonomia trascorsi dalla nascita del marchio nel 1955 fino al passaggio sotto le amorevoli cure della Regie della Losanga.

Sono ben 85 gli esemplari Alpine del passato che occupano il piazzale del porto del Principato, negli stessi spazi che ogni anno ospitano i box della F.1. E il messaggio arriva chiaro e forte. Alpine ritorna e non lo fa da spettatrice, ma per rinverdire i fasti di un blasone che la videro trionfare nel mondiale rally nel 1973 con l'A110 e nel 1978 alla 24 Ore di Le Mans con l'A442b guidata da un certo Didier Pironi. 

Per Carlos Ghosn, Ceo dell'Alleanza Renault-Nissan, svelare la nuova Alpine Vision è "un'occasione imperdibile perchè fa parte del nostro Dna e perchè arriva a tre settimane dalla presentazione del ritorno di Renault in F1 con un team tutto nostro". 

Ma Alpine Vision non è solo una show car: anticipa all'80% il modello di serie che arriverà a inizio 2017 ma soprattutto il ritorno nei rally e nel Mondiale Endurance. Si tratta quindi solo del primo step per la creazione di un'autentica gamma di sportive premium da portare in tutto il mondo come prodotti globali. Le caratteristiche principali? Piccola, compatta, agile e sensuale sarà equipaggiata con un motore turbo 4 cilindri che dovrebbe garantire uno scatto 0-100 km/h in 4,5 secondi. Chapeau Renault, tutti in piedi e' tornata l'Alpine.

 

Articoli correlati

Commenti