Auto e moto giapponesi costeranno meno, ecco perché

Il JEFTA è diventato realtà: storico accordo commerciale tra Unione Europea e Giappone per abolire il 90% dei dazi e aprire i rispettivi mercati. Una grande opportunità per l'industria motoristica e per i consumatori
Auto e moto giapponesi costeranno meno, ecco perché
Diego D'Andrea
TagsAutoMotoGiappone

A brevissimo, secondo le previsioni, auto o la moto giapponesi potrebbero arrivare a costare fino al 10% in meno. Ed è solo l’inizio, perché il nuovo accordo commerciale tra UE e Giappone apre la strada ad una serie di reazioni a catena di cui potrebbero beneficiare, tanto i produttori, quanto i consumatori. Capiamo esattamente di cosa si tratta.
Il presidente della Commissione Europea Juncker ha firmato ieri a Tokyo un accordo commerciale con il Giappone, il JEFTA, che abbatte i vincoli di mercato abolendo oltre il 90% dei dazi tra i due partner commerciali. Un’operazione bilaterale definita la più grande di sempre, che apre scenari davvero interessanti in diversi settori merceologici, in particolare per quello motoristico.

Tanto i consumatori giapponesi, quanto quelli dei paesi dell’area UE, godranno infatti di prezzi più bassi sui prodotti importati, con riduzioni medie dal 10 al 15%. Riduzioni, che da noi saranno quindi visibili anche sui listini di auto, moto e scooter provenienti dal Sol Levante. Soprattutto nel settore 2 ruote, si parla di top players del mercato del calibro di Honda, kawasaki, Suzuki e Yamaha.
Grazie al JEFTA, inoltre, si potrà perseguire l’ulteriore "storico" risultato di unificare la regolamentazione in materia di emissioni dannose tra UE e Giappone, con un risvolto importantissimo per i produttori, che in questo modo potrebbero abbattere in maniera sensibile i costi di progettazione ed omologazione dei mezzi, ancora una volta a vantaggio del consumatore con benefici aggiuntivi sui prezzi finali.

Tutto questo si verifica in un momento in cui, sull'altra sponda, si inasprisce la situazione tra USA e Unione Europea, a causa delle politiche protezioniste portate avanti dall'amministrazione Trump e delle relative contromisure dal Vecchio Continente. Situazione che ha già portato, ad esempio, marchi come Harley-Davidson e Indian Motorcycle alla decisione di delocalizzare la produzione “andando via” dal Paese, pur di non vedere soffocate le proprie ambizioni commerciali al di là dell’Atlantico.
Altro fronte delicato, quello Brexit: la Gran Bretagna potrà godere dell’accordo tra UE e Giappone fintantoché il divorzio non sarà definitivo a tutti gli effetti. Si sa, le separazioni lasciano sempre il segno, quanto profondo poi lo stabilisce il tempo.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti