Toyota C-HR, l'aggiornamento porta 184 CV

Novità per quanto riguarda motorizzazione, stile, infotainment e comfort di marcia per l'ibrido sportivo, che adotta il sistema lanciato da Toyota Corolla

Toyota CH-R, nella versione 1.8 da 122 CV, si rinnova, pur mantenendo la forma classica dell'ibrido. Si aggiorna nello stile, nell'infotainment e incrementa il comfort di marcia.

La forma nuova, più evoluta, finora appannaggio di Corolla, debutta in occasione di un aggiornamento del crossover compatto. Toyota C-HR 2.0 alza l’asticella di potenza e coppia, il 2 litri aspirato a ciclo Atkinson, abbinato ai motogeneratori elettrici, sviluppa 184 cavalli per un valore di coppia atteso sui 202 Nm. Un bel guadagnare brio e prontezz rispetto al full hybrid 1.8 litri.

Lo fa con marginali incrementi di emissioni inquinanti, 106 g/km per C-HR 122 cavalli, 118 g/km per il 184 cavalli.

Toyota apporta una serie di ritocchi al design originale di C-HR, un model year arricchito da un frontale diverso per la grafica dei fari a led, ora con quattro elementi principali e un profilo superiore di luci diurne che si trasforma in indicatore di direzione.

Leggi anche: Toyota Corolla Hybrid 2019, prova su strada completa

Più lineare e affilato l’insieme, completato da fendinebbia posizionati in alto, alle estremità della fascia paraurti.

INTERNI: COMFORT CONCETTO CHIAVE

Le prime indicazioni su C-HR 2020 registrano anche la revisione del volume posteriore, anche qui con fari dallo stile differente e, soprattutto, raccordati da un elemento alla base del lunotto, uno spoiler nero ben integrato nell’insieme.

Aggiornare il suv compatto è anche migliorare le doti di comfort a bordo, fronte sul quale si è lavorato a una migliore insonorizzazione della cabina da rumori e vibrazioni in marcia. 

Leggi anche: Toyota lancia TNGA-B, anticipa Yaris

I due sistemi full hybrid Toyota saranno differenziati nelle caratteristiche delle sospensioni, prevedibile l’impiego di tarature ed elementi diversi nel dimensionamento, sebbene il marchio non abbia ancora ufficializzato gli interventi.

Sul servosterzo elettrico, invece, si è operata una modifica dei parametri che incidono sul feeling percepito al volante. Rinnovato anche l’infotainment, ora con l’interfaccia Apple CarPlay e Android Auto, nonché la possibilità di aggiornamento delle mappe del navigatore mediante connessione dati, over the air.

Commenti