News motori
0

Autoscuole, si riparte il 20 maggio

Tornano gli esami di teoria e pratica per le patenti A e B, ma i protocolli da seguire sono molto rigidi 

Autoscuole, si riparte il 20 maggio

Se il 18 maggio ha segnato la ripartenza di molte attività in tutta Italia, il 20 è il turno delle autoscuole. Questo significa che chi deve studiare e sostente gli esami, teoria e pratica, per la patente A e B può farlo di nuovo, dopo mesi di stop. Con la riapertura degli uffici della motorizzazione civile, gli esami di guida possono svolgersi rispettando i protocolli di sicurezza e le linee guida fissate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Cerchi un'auto usata? Sfoglia il listino di Auto

La teoria

Pulizia, regole di comportamento e utilizzo di dispositivi di protezione (guanti e mascherine) sono le basi per lo svolgimento degli esami di teoria negli uffici della motorizzazione civile. Ma ci sono anche altre indicazioni, come limitare il numero di persone all’interno delle aule e installare, dove possibile, schermi parafiato in plexiglass su tre lati delle postazioni d’esame. Ma anche organizzare sessioni di igienizzazione straordinaria tra ciascun turno d’esame sia delle aule che della struttura ed evitare il mescolamento dei candidati sulle aule d'esame e sui turni dei candidati della stessa autoscuola o dello stesso gruppo di autoscuole. L’esito dell’esame verrà comunicato solamente per via telematica alle autoscuole. In via del tutto eccezionale, per evitare assembramenti, è consentito lo svolgimento degli esami di teoria presso le sedi degli operatori professionali.

La prova pratica

Per quanto riguarda l’esame pratico della patente A e B, invece, è necessaria l’identificazione dei candidati in un'area esterna aperta. Deve essere rispettato il distanziamento sociale tra tutti gli addetti presenti alla seduta: candidati, istruttore ed esaminatore. Inoltre, lo svolgimento delle varie fasi viene organizzato in modo tale da assicurare che ogni candidato esaminato possa dopo l'esame allontanarsi dall’area. La misurazione della temperatura corporea dei candidati prima delle prove è facoltativa.

Riguardo alla presenza di più persone dentro l’abitacolo, sono state trovate delle soluzioni. Per le patenti di categoria A la non presenza dell'esaminatore a bordo del veicolo rende sufficiente prevedere il rigoroso e continuativo utilizzo dei DPI nel corso dell'esame da parte di tutti gli attori coinvolti. Per le patenti di categoria B si individuano ulteriori procedure per garantire la massima sicurezza: nelle fasi 1 e 2 previste dalla normativa, si svolge con il solo candidato a bordo e senza che esaminatore e istruttore salgano sul veicolo. Le richieste verranno formulate oralmente dall'esaminatore e il candidato risponderà dall'interno del veicolo ed effettuerà le manovre richieste.

Roma, nuova segnaletica sull'asfalto per mantenere la distanza

Pulire gli oggetti condivisi

Quanto l’auto è condivisa da candidato, istruttore ed esaminatore, tutti e tre sono tenuti a indossare una maschera filtrante, visiera o occhiali protettivi, guanti monouso. Inoltre, devono lavarsi o igienizzarsi le mani prima di entrare nell’auto. Terminata la prova, l'autoscuola deve pulire gli oggetti condivisi e far cambiare aria al veicolo per almeno 5 minuti.

Determinati a battere il virus: intervista a Roberto Pietrantonio, AD di Mazda Italia

Tutte le notizie di News motori

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti