News motori
0

Coronavirus, auto regina del trasporto: i mezzi pubblici bocciati per gli italiani

Nella Fase 1 l’Osservatorio Autopromotec ha rilevato la netta preferenza per le vetture, considerate più sicure rispetto ad autobus, tram e metro

Coronavirus, auto regina del trasporto: i mezzi pubblici bocciati per gli italiani

Il governo, per ora, l’ha snobbata, le amministrazioni da anni l’anno nel mirino. Ma i cittadini sanno bene che l’automobile, se usata con misura e nel giusto modo, non ha rivali. E' indispensabile

L’analisi dell’Osservatorio di Autopromotec, la rassegna delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, realizzata sulla base dei dati raccolti dall’Isfort, l’Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti, non lasciano dubbi.

Durante la Fase 1 del lockdown gli italiani hanno preferito di gran lunga l’auto privata a mezzi pubblici. Per motivi evidenti. La tabella qui sotto parla chiaro.

Coronavirus, auto regina del trasporto: i mezzi pubblici bocciati per gli italiani

Tra l’entrata in vigore del DPCM dell’11 marzo e la fine della cosiddetta “fase 1”, ovvero il 3 maggio, la quota di italiani che hanno utilizzato un mezzo a motore privato per i propri spostamenti è cresciuta di 4,5 punti percentuali, passando dal 56,5% al 61%.

Nello stesso periodo è invece calata dal 10,1% al 4,1% la quota degli italiani che hanno utilizzato mezzi di trasporto pubblici (bus, tram, metro, ecc.), mentre è aumentata lievemente la quota di chi ha deciso di spostarsi con mezzi non motorizzati (in bicicletta e a piedi), quota che è passata dal 33,4% al 34,9% (+1,5%). 

L'Osservatorio Autopromotec non ha dubbi

"Uno dei motivi alla base dell’incremento dell’utilizzo del mezzo privato è indubbiamente il fatto che, in questa fase, l’auto rappresenta il mezzo più sicuro, in quanto l’unico in grado di garantire il distanziamento sociale necessario per compiere un viaggio in totale sicurezza. L’emergenza sanitaria da coronavirus non è ancora finita, ma già dal 4 maggio, con l’inizio della cosiddetta “fase 2”, si è assistito a un allentamento delle restrizioni alla circolazione ed è lecito ritenere che l’auto privata rimanga ancora la protagonista indiscussa degli spostamenti". Qualcuno dovrebbe meditare in merito.

Incentivi e ecobonus allargato, appello di ANFIA e Unione Industriale di Torino a Conte

Tutte le notizie di News motori

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti