Ford contro il COVID: 56 gradi nell'abitacolo per sanificare l'auto del 99%

Le alte temperature attivate per 15' riscaldano le auto per abbattere significativamente la carica virale del coronavirus nelle Ford Interceptor della Polizia di New York e L.A.. Ecco come funziona il software innovativo che potrebbe presto alla portata di tutti gli automobilisti 

Riscaldare l'abitacolo per sanificarlo totalmente e abbattere la carica virale in auto del COVID-19. Questa è l'idea di Ford che ha progettato, in collaborazione con la Ohio State University, un nuovo sistema che può ridurre ridurre l'eventuale presenza del coronavirus per ora all'interno delle automobili e di tutti i mezzi in prima linea utilizzati della Polizia di New York e Los Angeles.

Un software di gestione della climatizzazione e riscaldamento della Ford Interceptor, il veicolo più usato tra le Forze dell'Ordine a stelle e strisce, porterà nelle vetture un alto grado della temperatura presente all'interno così che venga neutralizzata la carica virale del coronavirus. 

Auto, trasporti, spostamenti e viaggi: cosa cambia dal 3 giugno?

Un flusso d'aria igenizzante a 56 gradi

I tecnici della Casa di Dearborn hanno modificato il software affinchè un flusso di aria rovente a 56 gradi Celsius (133 Fahrenheit) irrori tutti gli interni per la durata di 15 minuti.

La procedura prevede l'attivazione - ad auto vuota ovviamente- del motore e del climatizzatore per farli collaborare automaticamente ad aumentare le temperature nell'abitacolo. Il software riscalda il motore a un livello elevato intervenendo su numero di giri e termostato. Successivamente le impostazioni 'temperatura' e 'flusso d'aria' funzionano al massimo e il sistema monitora di continuo il valore interno fino a quando l'intero abitacolo raggiunge il livello ottimale per una temperatura 'sanificante.

"Gli operatori del Pronto Intervento sono sempre in prima linea per proteggere tutti noi - ha dichiarato Hau Thai-Tang, responsabile sviluppo e acquisti prodotti Ford - Sono persone esposte al virus e hanno un disperato bisogno di misure di protezione. Abbiamo esaminato ciò che era nelle nostre possibilità e come fare per aiutarle. In questo caso, abbiamo trasformato i dispositivi di produzione e controllo del calore del veicolo in un sistema di neutralizzazione del virus".

"I nostri studi con Ford Motor Company - spiegano Jeff Jahnes e Jesse Kwiek, supervisori di laboratorio presso il dipartimento di microbiologia della Ohio State University - indicano che l'esposizione dei coronavirus a temperature di 56 gradi Celsius o 132,8 gradi Fahrenheit per 15 minuti riduce la concentrazione virale di oltre il 99% sulle superfici interne e sui materiali utilizzati all'interno dei veicoli". 

Un sistema efficace che potrebbe presto arrivare a molte automobili e mezzi di trasporto in tutto il Mondo.

Commenti