Lamborghini "Direzione Cor Tauri”: il piano "stellare" per l’elettrificazione

Parte la rivoluzione a Sant’Agata Bolognese. Dalle supercar fino al sito intero: il Toro cambia e si trasforma per abbracciare la sostenibilità. Ecco cosa cambierà
Lamborghini "Direzione Cor Tauri”: il piano "stellare" per l’elettrificazione
TagslamborghinielettrificazioneWinkelmann

Una trasformazione, il più grande investimento della storia e soprattutto un piano che rivoluzionerà le prestazioni senza mai rinunciare alla sostenivilità. Lamborghini annuncia la sua nuova roadmap verso l’elettrificazione: “Direzione Cor Tauri”. Dall'elettrificazione delle sue auto fino all'intero sito di Sant’Agata Bolognese, ad annunciare la profonda trasformazione è Stephan Winkelmann, Presidente e CEO di Automobili Lamborghini.

Sarà un lungo percorso quello che porterà la Casa del Toro sulla via, anzi tra le stelle, della decarbonizzazione e verso la sua strategia di sostenibilità ambientale, con tecnologie e soluzioni capaci di garantire il top delle prestazioni e della dinamica di guida. Tutto come sempre sarà nel pieno rispetto dell'autentica tradizione automotive Lamborghini.

Lamborghini e Porsche: cosa comprare con 20mila euro

La costellazione Cor Tauri nel logo

In richiamo al logo scelto dal suo fondatore Ferruccio Lamborghini nel 1963, Cor Tauri è la stella più luminosa della costellazione del Toro e rappresenta la direzione del Marchio verso un futuro elettrificato, che rimarrà sempre fedele al suo cuore e anima.

“Il piano di elettrificazione di Lamborghini è un cambio di rotta reso necessario da un contesto mutato radicalmente, in cui vogliamo dare il nostro contributo continuando a ridurre l’impatto ambientale attraverso progetti concreti - commenta Stephan Winkelmann -. La nostra risposta è un piano dall’approccio integrato, dai prodotti al sito di Sant’Agata Bolognese, che ci porterà verso un futuro più sostenibile, ma pur sempre fedele al nostro DNA. Lamborghini è da sempre sinonimo di altissima competenza tecnologica nella costruzione di motori dalle prestazioni straordinarie: questa continuerà ad essere la priorità assoluta di tutto il nostro cammino verso l’innovazione. La promessa di oggi, supportata dal più grande piano di investimento della storia del marchio, è la prova della nostra profonda dedizione non solo verso i nostri clienti, ma anche verso i nostri fan, le nostre persone e le loro famiglie, verso il territorio in cui siamo nati, l’Emilia Romagna, l’Italia, il Made in Italy.”

Lamborghini Urus Graphite Capsule: le immagini
Guarda la gallery
Lamborghini Urus Graphite Capsule: le immagini

Supersportive col V12, ibride e full electric

Il viaggio verso una nuova Lamborghini, che porteranno a un miglioramento delle prestazioni e delle emozioni di guida, ma nel rispetto dei vincoli posti dalle regolamentazioni in materia di CO2  sempre più impellenti. "Cor Tauri", la roadmap di Lamborghini, si articolerà in tre fasi:

1. Celebrazione del motore a combustione interna (2021-2022) attraverso la presentazione di modelli di successo Lamborghini. Sulla scia di una crescita costante delle vendite e di un aumento del fatturato di 7 volte negli ultimi 15 anni, Lamborghini si è accreditata nel panorama automobilistico come centro di eccellenza nella produzione delle migliori supersportive. Dal SUV Urus, fondamento del successo commerciale di oggi, si spinge al vertice con capolavori di tecnica e stile, le serie limitate. Tra queste l’ultima presentata, la Sián, che ha dato il via al percorso di ibridizzazione, prima vettura del Toro con tecnologia ibrida. Questa fase sarà caratterizzata dallo sviluppo di motori a combustione interna destinati a versioni che rendono tributo alla storia gloriosa del marchio e ai suoi prodotti iconici passati e presenti. Senza dimenticare che quest’anno Lamborghini ha annunciato il lancio di due novità sul fronte del modello V12;

Lamborghini Sian FKP 37 Lego Technic: le immagini
Guarda la gallery
Lamborghini Sian FKP 37 Lego Technic: le immagini

2. Transizione ibrida (entro fine 2024): nel 2023 Lamborghini lancerà il suo primo modello di serie ibrido ed entro fine 2024 tutta la gamma sarà elettrificata. Le performance e l’autentica esperienza di guida Lamborghini rimarranno il focus nello sviluppo di nuove tecnologie da parte degli ingegneri e tecnici della Casa e l’applicazione dei materiali leggeri in fibra di carbonio risulterà cruciale per il contenimento del peso dovuto all’elettrificazione. In questa fase si prevede l’abbattimento del 50% delle emissioni di Co2 dall’inizio del 2025 grazie ad un investimento epocale di oltre 1,5 miliardi di euro stanziati in quattro anni, il più grande della storia di Lamborghini;

 3. Prima Lamborghini Full Electric (seconda metà del decennio): l’accelerata finale della seconda parte del decennio sarà all’insegna del full electric con la visione di un futuro quarto modello. Ancora una volta l’innovazione tecnologica di questa fase sarà guidata dall’obiettivo di garantire prestazioni straordinarie e posizionare il nuovo prodotto all’apice del segmento.

E’ cosi che Lamborghini vede il punto finale del suo percorso: Cor Tauri, la stella più luminosa della costellazione a cui punta la roadmap della Casa del Toro, è rappresentata da un quarto modello full electric. 

Infine il programma verso il 2030 prevede un approccio a 360° che dal prodotto abbraccia il sito di Sant’Agata Bolognese, dalle linee di produzione agli uffici. E’ un’area di 160.000 mq che dal 2015 si fregia della certificazione C02 neutrale, mantenuta anche in seguito al raddoppio del sito produttivo degli ultimi anni. Oltre a ridurre le emissioni di Co2, la protezione ambientale, la sostenibilità nella catena dei fornitori, l’attenzione ai dipendenti e la responsabilità sociale dell’azienda rappresentano parti integranti di questa strategia.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti