Caro carburanti, una stazione di servizio si ribella: niente metano

Un benzinaio della provincia di Terni ha scelto di interrompere l’erogazione pur di non dover applicare un prezzo esorbitante per i clienti. L'iniziativa è stata molto apprezzata sui social
Caro carburanti, una stazione di servizio si ribella: niente metano
Tagsmetanocaro carburantigpl

"Ci scusiamo con la clientela ma abbiamo preferito non vendere piuttosto che applicare prezzi inaccettabili". È la conclusione del curioso cartello affisso sulla colonnina del metano in una stazione di servizio di Papigno, in provincia di Terni. Il gestore, esasperato, ha deciso di sospendere il servizio dopo l’ennesimo rincaro del metano, in crescita da inizio ottobre non solo per l’assottigliarsi degli stoccaggi europei dopo la diminuzione delle forniture russe, ma anche per la ripresa economica post-Covid di paesi come Cina e India, grandi importatori.

Il testo integrale e le reazioni social

Il cartello, poi rimosso e sostituito da un più banale “metano chiuso”, si apriva così: “Il gestore e la compagnia petrolifera, per incompatibilità con i prezzi applicati dai fornitori della materia prima, sospendono la vendita di metano per un periodo non definito, altrimenti avrebbero dovuto applicare un prezzo di vendita esorbitante”. L’insolita protesta ha subito trovato terreno fertile nei social, dove la maggior parte delle reazioni sono state positive e hanno simpatizzato con l’iniziativa.

Carburanti: vola gas, sale Gpl, metano supera 2 euro

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti