Manchester United, polemica green: hanno preso l'aereo per volare solo 10 minuti!

Aspre critiche ai Red Devils dopo la partita col Leicester. Il club ha deciso di andare in trasferta scegliendo di non prendere l'auto: eppure i chilometri da percorrere per arrivare al King Power Stadium erano solo 165!
Manchester United, polemica green: hanno preso l'aereo per volare solo 10 minuti!© Getty Images
TagsManchester UnitedAereopolemica

Polemica a tinte green, quella che ha coinvolto di recente il Manchester United. Per la partita di Premier League contro il Leicester, sabato scorso persa per 4-2 dalla squadra di Cristiano Ronaldo, i Red Devils hanno percorso i 165 km (100 miglia) di distanza dal King Power Stadium in aereo, per un totale di appena dieci minuti di volo. Una scelta condannata dal Forest Green Rovers, il club più eco-friendly del mondo, che milita nella quarta serie calcistica inglese.

"Oltraggio, vandalismo"

Le parole del presidente Dale Vince sono state velenose: "È stato scioccante, 100 miglia non sono niente. Il calcio riceve un sacco di critiche in particolare riguardo l'ambiente. È ampiamente detto che il calcio non può essere ecosostenibile a causa dei viaggi per le partite internazionali e i viaggi dei tifosi. Qui c'è una partita nazionale e una distanza molto breve, ed è la cosa più terribile da fare per scegliere di volare invece di guidare”.

I Red Devils si difendono

I Red Devils si sono giustificati con un comunicato in cui hanno dichiarato di aver scelto l’aereo a causa del traffico sulla strada M6 e hanno ricordato tutte le iniziative green intraprese dalla società nel tempo: tutte le strutture del club sono ecosostenibili; sei anni consecutivi di certificazione Carbon Trust Standard; il programma Manchester United Energy & Carbon Reduction Programme; riduzione di 2.700 tonnellate di carbonio nel 2008. Insomma, la questione ha toccato un nervo scoperto per i Diavoli Rossi.

"Un esempio terribile"

Dale Vince non si fa convincere: ”Se la M6 fosse chiusa, abbiamo altre strade, no? Ci sono altri modi per aggirarla. E non credo che questa sia stata una cosa del momento, non credo che si possa fare così in fretta. Volare per 100 miglia è un atto oltraggioso. È vandalismo. È un grande club in uno sport che ha un ruolo in fondamentalmente persuadere le persone su cosa debbano fare per combattere la crisi del clima. e questo è un terribile esempio. Ogni organizzazione ha la responsabilità di ridurre la propria impronta di carbonio, questo è un fatto. Ma ciò che è unico nei club di calcio, specialmente nelle dimensioni del Man United, è che hanno una piattaforma. Hanno milioni di seguaci e la gente guarda il club. Prendono spunti di vita da loro, quindi è una cosa terribile da fare".

Guidare, non volare

I viaggi aerei contribuiscono per il 2% del peggioramento climatico mondiale. In vista della COP26, la conferenza dell’ONU sul clima in programma dal 31 ottobre al 12 novembre, il mondo del calcio si chiede se si stia facendo abbastanza per aiutare l’ambiente. Di recente, il Tottenham ha ospitato la prima partita di calcio interamente a impatto zero: solo mezzi green per raggiungere lo stadio, cibo vegano e energia verde per alimentare lo stadio. Il Manchester dovrebbe adeguarsi, per non finire nell’occhio del ciclone.

Pogba, supercar da peccato capitale: Ferrari, Lambo e la Rolls che fece infuriare Mourinho

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti