BMW e la crisi dei chip: in consegna vetture senza Apple CarPlay e Android Auto

Per evitare ritardi troppo gravi, la Casa tedesca ha preso questa decisione, ma prima di giugno il problema non sarà risolto
BMW e la crisi dei chip: in consegna vetture senza Apple CarPlay e Android Auto
TagsBMWchipsmartphone

Sembra non finire mai la crisi dei chip che continua a creare parecchi problemi al settore automotive, con le relative difficoltà sia per le aziende produttrici che per i clienti. Nonostante gli sforzi delle aziende, sempre alla continua ricerca di soluzioni, spesso si devono ritrovare a fare i conti con ritardi nelle consegne delle vetture ordinate. Per sopperire a ciò, per esempio, BMW sta consegnando modelli al momento sprovvisti della compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay, due funzioni considerate ormai standard dalla maggior parte degli acquirenti.

Si tratta di vetture assemblate nei primi quattro mesi del 2022, destinate a Francia, Spagna, Italia, Regno Unito e Stati Uniti (codice di produzione 6PI).

Problema temporaneo, ma grave

Il problema è dovuto al cambio di fornitore dei chip, resosi necessario per completare la produzione in tempi meno lunghi. La modifica in corsa non ha dato il tempo di attivare i software necessari per rendere operative le funzionalità di connessione con gli smartphone.

Un problema temporaneo, ma comunque non banale, i clienti dovranno attendere l’aggiornamento via etere (OTA), atteso per la fine di giugno. Per allora le BMW saranno completamente funzionanti.

BMW X1, il teaser svela il design della nuova versione

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti