Prove

Vedi Tutte
Prove

Toyota Yaris, la prova su strada

Toyota Yaris, la prova su strada

Al volante della compatta giapponese in allestimento Style con motore 1.4 diesel da 90 cv: perfetta in città ama viaggiare e consuma poco, ma non chiedetele di fare le corse.  

Sullo stesso argomento

 Francesco Colla

lunedì 15 febbraio 2016 14:58

Con oltre 32 mila esemplari immatricolati, Toyota Yaris è stata la nona auto più venduta in Italia nel 2015, performance che ha consentito al Gruppo giapponese di raggiungere quota 65 mila immatricolazioni nel nostro Paese, piazzandosi all'ottavo posto nella top ten dei marchi più amati dagli italiani davanti a Nissan e Lancia. E per capire i motivi di questo successo, è stato sufficiente salire a bordo della rinnovata compatta, in versione 5 porte diesel con motore 1.4 D4D da 90 cv e allestimento Style. Ossia la top di gamma tra le diesel (prezzo 18.400 euro), con cerchi in lega da 16", tetto in cristallo e fari LED di serie ad aggiungere personalità a una citycar dall'aria accattivante sia fuori che dentro.

Saliti a bordo, infatti, si rimane piacevolmente stupiti dalla buona fattura della plancia con touchscreen da 7 pollici e clima bizona (una chicca solitamente riservata a segmenti superiori): rispetto alla versione precedente nuova Yaris è stata sensibilmente arricchita negli interni e comunica una sensazione di alta qualità, fermo restando che siamo al volante di una citycar. Abbinata a uno spazio più che discreto per viaggiare comodamente in quattro ma anche cinque portandosi in vacanza anche un buon numero di bagagli: abbattendo i sedili si ottiene un vano di carico di 768 litri. Non è enorme ma intelligente e grazie all'imboccatira ampia si caricano le valige senza grossi sforzi. Unico appunto negativo riguardo gli interni, la posizione di guida: se si è alti più di un metro e ottanta si è costretti a tenere le game leggermente piegate e alla lunga la posizione stanca.    

TOYOTA YARIS, IL LISTINO PREZZI COMPLETO

Partiamo e immediatamente apprezziamo l'intuitività del sistema di infotainment, che in pochi passaggi consente di impostare il navigatore, così come la visibilità che permette di far manovra facilmente anche se la telecamera posteriore garantisce di uscire indenni anche dai parcheggi più angusti. La città è il suo habitat e Yaris si dimostra agile, maneggevole e grazie alla prontezza del motore, con 205 Nm di coppia disponibili già a 1800 giri, ai semafori si scatta che è un piacere. E silenziosamente: l'auto è veramente ben insonorizzata, qualità apprezzabile sia per isolarsi dal traffico sia quando nell'extraurbano si schiaccia il pedale con maggior decisione apprezzando l'ottima tenuta di strada. Le prestazioni non sono certo da sportiva, con uno scatto 0-100 in 10,8" e 175 km/h di velocità massima, ma più che rispettabili, specialmente se abbinate ai consumi: la Casa dichiara fino a 28,6 km con un litro nel ciclo misto e in città, con una guida sobria abbinata allo start&stop, il computer di bordo segnala 18 km con un litro e oltre 20 nell'extraurbano. 

Articoli correlati

Commenti