Prove

Vedi Tutte
Prove

Mercedes C220 d, la prova del nuovo punto di riferimento

Mercedes C220 d, la prova del nuovo punto di riferimento

Al volante dell'auto che da oltre 30 anni è sinonimo di berlina in versione diesel da 170 cv in allestimento Premium: elegante sia fuori che dentro è perfetta in autostrada, ma non è la monoposto di Hamilton. 

Sullo stesso argomento

 Francesco Colla

mercoledì 30 marzo 2016 09:28

ROMA - Sono trascorsi oltre 30 anni (era il 1982) dal debutto della W201, diretta progenitrice dell’odierna Classe C, giunta alla quarta generazione e venduta, nell’arco della sua storia, in quasi 9 milioni di esemplari. Il lancio delle prime 190 fu per Mercedes un momento cruciale nella propria storia, una grande offensiva di prodotto e un ingresso nel segmento delle compatte con un modello che andava a porsi sotto Classe E e Classe S. «Tecnologia avanzata Mercedes in forma compatta», recitava lo slogan dell’epoca; la Classe A la CLA erano pura fantascienza. 

DEJA VU - Abbiamo trascorso qualche giorno in compagnia della nuova Classe C, che Mercedes aveva modestamente definito «La migliore di sempre»: più leggera, più parsimoniosa nei consumi, più affascinante, più spaziosa, ma sempre Mercedes. Sedendosi al volante della C220 d 4Matic in allestimento Premium (52 mila euro più qualche optional) la prima sensazione è un deja vu. Tanti anni fa si rimaneva affascinati dalla 190, accorgendosi di essere al cospetto di una pietra miliare; oggi anche se ben più smaliziati si apprezza il gran lavoro fato a Stoccarda. Già al primo sguardo ci si accorge che nuova Classe C è stata progettata e disegnata per mantenere lo status di punto di riferimento nel segmento berline o comunque di essere alla pari con le migliori offerte della concorrenza Audi e BMW. 

SPORTIVA ELEGANTE - Nonostante le dimensioni siano sensibilmente aumentate rispetto al modello precedente (lunghezza di 469 cm, passo di 284 cm e larghezza di 181 cm, con un bagagliaio di 480 litri), la berlina ha guadagnato un fascino da sportiva di razza grazie a un design dinamico esaltato dalla griglia anteriore a due lamelle con Stella centrale, spoiler anteriore con grandi prese d’aria, spalle larghe e cerchi AMG da 18 pollici. L’abitacolo, specialmente nell’allestimento Premium, è da prima della classe: sedili in ecopelle Artico a regolazione elettronica, volante multifunzione in nappa, dettagli in alluminio, battitacco con scritta Mercedes-Benz retroilluminata, plancia in nero lucido con display da 8,4 pollici comandabile tramite la solita rotellina o il touchpad che lo sovrasta. A completare il panorama lo scenografico tetto in cristallo (optional) apribile elettronicamente. 

Mercedes GLE, la prova di "King SUV"

MA NON E' UNA F1 - Premiamo start: il 4 cilindri diesel da 170 cavalli emette un brontolio più rumoroso di quanto ci si potrebbe attendere e anche il livello di vibrazioni lascia leggermente perplessi, ma le qualità del motore mergeranno alla distanza. Abbinato al cambio automatico 7G-Tronic Plus e alla trazione integrale 4Matic consente uno scatto 0-100 in 7,7 secondi e una velocità massima prossima ai 230 km/h. Grazie a una coppia di 400 Nm disponibile a 1400 giri e a una potenza massima di 170 cv espressa a 3000 giri il motore esprime prontezza fin dai bassi regimi, ma non aspettatevi la monoposto di Hamilton: nonostante il dimagrimento i chili da spostare sono sempre 1635. 

DYMANIC - In città, impostando il Dynamic Select in modalità Eco o Comfort, la C220 d dimostra grande maneggevolezza. Lo sterzo è morbido, al pari dell’assetto pronto ad assorbire le asperità stradali, e le manovre sono facilitate da sensori e retrocamera. Alla lunga, a causa della guida selvaggia e degli scooter che si affiancano all’improvviso, verrebbe voglia di disattivare il Blind Spot Assist, ma in fin dei conti meglio avere un paio d’occhi in più. Tra i dispositivi di sicurezza compresi nell’allestimento il Collision Prevention Assist Plus che avvisa in caso di collisione a una velocità fino a 105 km/h.

Mercedes Classe C, tutti i prezzi

BENE I CONSUMI - Un occhio ai consumi: con Star & Stop attivato in città si percorrono circa 15 km con un litro, stando a quanto indica il computer di bordo. Niente male, anzi. Nel ciclo combinato Mercedes dichiara 20, 8 km con un litro: noi dopo un percorso di 200 km comprensivo di strade urbane, extraurbane e autostrada ci attestiamo sui 17 km al litro, risultato ottenuto senza risparmiare sull’acceleratore. Nei percorsi extraurbani si può inoltre apprezzare il tocco di sportività in più garantito dalle modalità Sport e Sport+: la risposta dell’acceleratore si fa più pronta, l’assetto si irrigidisce e la berlina diventa una gran bella macchina da guidare. Anche se, ribadiamo, per provare brividi lungo la schiena è meglio optare sulle versioni con almeno 200 cv. 

PASSPARTOUT - E’ la migliore di sempre? Probabilmente sì e di sicuro chi ha amato le generazioni precedenti verrà catturato dalla nuova, che si è dimostrata un’auto completa, ottima per affrontare lunghi viaggi, ben rifinita negli interni e dotata di un fascino passpartout che la rende adeguata a qualsiasi situazione.  

 

Articoli correlati

Commenti