Sbarro Tracto-Sphere, ecco il "risciò" hi-tech

A Ginevra la Sbarro ha presentato una serie di prototipi, di cui il più curioso è sicuramente quello chiamato Tracto-Sphere
Sbarro Tracto-Sphere, ecco il "risciò" hi-tech
Alessandro Vai

ROMA - Oltre alle grandi Case automobilistiche, al Salone di Ginevra ci sono anche i “carrozzieri” come la Sbarro, fondata dall’omonimo Franco, che è italiano di nascita ma svizzero di residenza da oltre cinquanta anni. La sua azienda è specializzata in prototipi e dal 1992 ha anche una scuola di design attiva in Francia, che si occupa di progetti sperimentali. A Ginevra la Sbarro ha presentato una serie di prototipi, di cui il più curioso è sicuramente quello chiamato Tracto-Sphere.

SFERA - Il nome, come si dice in questi casi, è tutto un programma. Definire lo stile di questo mezzo non è semplice, sembra una specie di risciò super tecnologico ma con una grande sfera all’anteriore. All’interno, se così si può definire, c’è spazio per tre persone sistemate in fila; non ci sono porte né vetri e la meccanica è tutta collocata nella grande sfera anteriore. Sfera che può ospitare anche i caschi degli occupanti, mentre il propulsore è un monocilindrico Kawasaki da 300 cc accoppiato con un modulo ibrido, per un totale di 55 CV.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti