Corriere dello Sport

Olimpiadi Invernali

Vedi Tutte
Olimpiadi Invernali

Cinque ori in palio: i favoriti per martedì

Cinque ori in palio: i favoriti per martedì
© LAPRESSE

Sarà duello tra Frenzel e Watabe nella combinata nordica, chances azzurre per tre podi. La statunitense Sigourney a caccia dell'oro del freestyle

Sullo stesso argomento

 

lunedì 19 febbraio 2018 20:19

PYEONGCHANG - Le Olimpiadi invernali si preparano a un martedì dalle grandi emozioni e dalle forti speranze azzurre. Per Canada e Germania può essere il giorno giusto per fare un balzo in avanti nel medagliere. Questo il programma di giornata: 

BIATHLON - È il giorno della staffetta mista (2x6km donne+2x7.5km uomini) e la Germania parte come grande favorita, sarà difficile per Norvegia e Francia tenere il passo dei tedeschi, per il podio buone possibilità di inserirsi anche per gli azzurri. 

PATTINAGGIO DI FIGURA - Free dance al via dalle due di notte con i favori che pendono tutti per il duo canadese Virtue/Moir. Papadakis/Cizeron sono pronti a lottare per la Francia in cerca dell’oro, ma bisognerà fare i conti anche gli statunitensi Hubbel/Donohue e Alex e Maia Shibutani. Cercheranno un posto tra i primi tre gli italiani Cappellini/Lanotte.

FREESTYLE - Nell’halfpipe femminile la statunitense Sigourney potrebbe non essere così certa dell’oro: la canadese Sharpe e la francese Martinod sono pronte a sovvertire i pronostici per salire sul gradino più alto del podio. 

COMBINATA NORDICA - Sarà importante brillare nel salto dal trampolino lungo prima di concentrarsi sulla 10km di fondo. Il tedesco Frenzel va a caccia di conferme per aggiungere un ulteriore titolo al suo palmares, proverà a contrastarlo Akito Watabe, ma l’impresa non sarà semplice. Nella Gundersen potrebbero brillare anche Rydzek e Riessle, ma la battaglia per loro sembra destinata al bronzo. 

SHORT TRACK - È la Corea del Sud la grande favorita per la vittoria nei 3000 metri di staffetta femminile. La gara sarà tutta con la Cina per il primo posto, mentre sembrano essere decisamente più indietro Canada e Italia. 

Articoli correlati

Commenti