Mistero risolto alle Olimpiadi: l'atleta ugandese rinuncia. A Tokyo per una nuova vita

Il pesista, scomparso ieri dalla sua camera, non rappresenterà la sua nazione. Ssekitoleko avrebbe spiegato le sue motivazioni in una lettera
Mistero risolto alle Olimpiadi: l'atleta ugandese rinuncia. A Tokyo per una nuova vita© EPA
1 min
TagsJulius Ssekitolekotokyo2020

TOKYO (GIAPPONE) - Nessuna scomparsa e nessun giallo. Julius Ssekitoleko sta bene e avrebbe semplicemente deciso di provare a farsi una nuova vita in Giappone. Secondo l'agenzia locale "Kyodo", l'atleta dell'Uganda che avrebbe dovuto rappresentare la sua nazione nel sollevamento pesi, ha scelto di far perdere le proprie tracce lasciando l'hotel di Izumisano, vicino a Osaka, dove alloggiava la sua delegazione. L'allarme per la sua scomparsa è scattato ieri quando Ssekitoleko non si è presentato al test per il Covid-19 richiesto dal comitato organizzatore dei Giochi. Nella sua camera sarebbe stata trovata una lettera dove l'atleta avrebbe spiegato che non intende tornare in Uganda. Secondo la stampa giapponese l'uomo avrebbe raggiunto in treno Nagoya e poi si sarebbe messo anche in contatto con i dirigenti della delegazione ugandese.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti