Jacobs: "È l'Italia il mio Paese, non mi trasferirò"

Il velocista azzurro, oro olimpico nei 100 metri a Tokyo e pronto alla 4x100, fa chiarezza sul suo futuro: "Negli Usa andrò solo per far visita a mio padre"
Jacobs: "È l'Italia il mio Paese, non mi trasferirò"© EPA
TagsJacobsOlimpiaditokyo

TOKYO (Giappone) - "Io vivrò per sempre in Italia, che è il mio Paese". Così Marcell Jacobs allontana ogni voce di un suo possibile trasferimento in America. "Negli Stati Uniti ci andrò solo per andare a trovare mio padre - chiarisce il nuovo campione olimpico dei 100 metri in una dichiarazione diffusa dal suo manager -, con il quale ho solo recentemente recuperato un rapporto che per me è importantissimo e al quale voglio dedicare del tempo, ma la mia vita, la mia famiglia e il mio futuro sono esclusivamente legati all'Italia". Il velocista azzurro è intanto pronto all'impegno della staffetta 4x100, in cui sarà importante per l'Italia riuscire a qualificarsi per la finale olimpica di Tokyo 2020.

Jacobs, oro, inno e lacrime: la premiazione è da brividi!
Guarda la gallery
Jacobs, oro, inno e lacrime: la premiazione è da brividi!

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti