Olimpiadi, Tita e Banti show: medaglia d'oro nel Nacra 17

Si tratta del quinto oro per l'Italia ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020
Olimpiadi, Tita e Banti show: medaglia d'oro nel Nacra 17© EPA

TOKYO (GIAPPONE) - Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 Ruggiero Tita e Caterina Banti hanno vinto la medaglia d'oro nella classe mista Nacra 17 della vela. Gli azzurri hanno chiuso la Medal Race al sesto posto. Un piazzamento sufficiente per lasciarsi alle spalle gli inglesi, medaglia di argento, giunti quinti. Arrivo della gara finale: prima Argentina, seconda la Danimarca, terzi gli Usa, quarta la Francia, quinta la Gran Bretagna. Per l'Italia è la quinta medaglia d'oro ai Giochi giapponesi. Erano 21 anni, da Alessandra Sensini a Sidney 2000, che l'Italia non saliva sul podio più alto nella vela. Si tratta infatti del primo oro olimpico 'misto', cioè di un team formato da uomini e donne, vinto dall'Italia alle Olimpiadi. In precedenza l'Italia aveva conquistato un argento a Mosca 1980 nel concorso completo dell'equitazione. Per quanto riguarda Tita è anche il primo oro olimpico vinto da un atleta della provincia di Trento nei Giochi estivi. 

Tita e Banti scrivono la storia: che festa per la medaglia d'oro
Guarda la gallery
Tita e Banti scrivono la storia: che festa per la medaglia d'oro

Le dichiarazioni di Tita e Banti

"E' stato un lavoro costruito in 5 anni. Siamo fieri di quanto abbiamo fatto. Un'emozione grandissima. Il campo di regata si adattava bene alle nostre capacità". Così Ruggero Tita commenta ai microfoni della Rai la vittoria della medaglia d'oro nella vela nacra-17 ai Giochi di Tokyo insieme a Caterina Banti. "E' stata premiata la nostra costanza - gli fa eco la collega - ci siamo trovati fin dall'inizio in barca. Il nostro punto di forza e che siamo super coordinati e sincronizzati. Ci sono stati anche momenti difficile ma abbiamo sempre dato il massimo".

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti