Messi:
© Getty Images
On Air
0

Messi: "Chiuderò la carriera al Barça". Pjanic: "La Juve vuole il triplete"

Il numero 10 azulgrana conferma di voler restare in Spagna fino a quando non appenderà gli scarpini al chiodo. Il centrocampista bosniaco non pone limiti ai bianconeri. Spinazzola crede nella Roma e in Fonseca. Acerbi prova a dare una scossa alla Lazio

ROMA - "Voglio chiudere la carriera al Barcellona". Leo Messi conferma di volersi definitivamente stabilire nella città catalana. In una lunga intervista radiofonica su RAC1 il numero 10 azulgrana ha svelato in passato di aver seriamente pensato di lasciare il Barça: "Soprattutto nel 2013 e 2014 quando ho avuto il problema con il fisco spagnolo". Così sul rinnovo": Al momento non c'è nulla ma mi sono sempre tenuto ai margini delle trattative, perché non abbiamo mai avuto problemi, è sempre stato tutto molto semplice".

Messi: "Chiuderò la carriera al Barça". Pjanic: "La Juve vuole il triplete"

Pjanic: "Siamo i più forti"

"La Juventus vuole vincere tutte le competizioni in cui è impegnata". Dal ritiro con la Bosnia Miralem Pjanic rilancia le ambizioni dei bianconeri che dopo la vittoria sull'Inter sono tornati al comando della classifica: "Ammetto che è andato tutto bene. Siamo i migliori in Italia, vogliamo essere in cima alla classifica". Determinato anche sulle ambizioni personali: "Il mio sogno è essere tra i migliori al mondo, ci stiamo lavorando e sono contento di come sto andando”.

Spinazzola: "La Roma ha tempo per risalire"

"Fonseca crea tante aspettative anche nello spogliatoio e noi stiamo davvero bene con lui". Dal ritiro azzurro con l'Italia Leonardo Spinazzola parla del momento che vive la Roma: "In queste ultime partite abbiamo creato tanto e subito poco. Però in classifica siamo tutti lì: la Juve ha qualcosa in più, e anche l'Inter". Il giocatore vede un futuro roseo per la squadra giallorossa: "Abbiamo cambiato tantissimo: mister, giocatori e modulo, con una nuova visione del calcio ma abbiamo ancora tanto tempo per risalire".

Acerbi: "Lazio, serve più cattiveria"

"Ci manca il gradino per fare il salto di qualità, ci manca la voglia, la determinazione di fare il risultato a tutti i costi, la cosa che contraddistingue le grandi squadre". Così il difensore della Lazio Francesco Acerbi parla del momento che vive la squadra. "Abbiamo iniziato bene la stagione ma ci sono gli stessi problemi: giochiamo bene, creiamo tanto ma a volte perdiamo partite che non dobbiamo perdere". Secondo il difensore "non si può vincere uno a zero e poi perdere due a uno". "Spero che si riesca a fare questo salto di qualità. La classifica non è quella che ci aspettavamo, e se siamo lì vuol dire che qualcosa ci manca" ha concluso Acerbi.

di Enrico Sarzanini\Edipress

Tutte le notizie di On Air

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina