Roma, Lazio, Cafù, e tennis: le ultimissime

I giallorosi preoccupati per Smalling, a Formello resta il giallo Vecino. L'ex giallorosso costretto a vendere la sua villa in Brasile. Bertolucci critico con Binaghi
2 min

Ascolta le news del momento in meno di due minuti

La Roma in ansia per Smalling, a Formello giallo Vecino. Caf§ deve vendere la sua villa in Brasile. Bertolucci critico con Binaghi

ROMA – La situazione legata a Chris Smalling, che non gioca dal primo settembre, a Trigoria stia creando ansie e preoccupazioni: il rientro infatti potrebbe slittare da gennaio a febbraio inoltrato. L'Inglese Smalling non ha intenzione di operarsi. A 34 anni e con i tendini così in difficoltà un'operazione rischierebbe di compromettere il finale di carriera. Non che ora le cose vadano meglio, ma la speranza è che la terapia conservativa prima o poi dia i suoi frutti.

In casa Lazio continua il giallo Vecino: il giocatore, messo fuori rosa per la sfida contro il Genoa in Coppa Italia, anche oggi si è allenato a parte. Sarri dopo la sfida contro i liguri aveva fatto chiarezza: “Non c’è niente da chiarire, vicenda di spogliatoio neanche tra le più clamorose ma la società, d’accordo con me, ha deciso per questa soluzione. Ne riparleremo tra qualche giorno, per ora la situazione è questa”. Da capire se il giocatore verrò reintegrato per la gara di campionato a Verona.

Problemi in vista per Cafu, ex terzino della Roma e del Brasile. Secondo il portale Uol la super villa che ha a San Paolo è stata messa all'asta per circa 4.7 milioni di euro (anche se il valore è di circa 7.5 milioni) a causa di un vecchio debito non saldato. La proprietà, che si trova nel condominio Alphaville Residencial 2, è composta da sei suite, piscina, campo da calcio, sala cinema, sala giochi e sauna. Il tutto su un terreno di 2.581 mq. Cafu avrà 45 giorni lavorativi per lasciare la sua abitazione dopo che le precedenti aste sono andate deserte.    

Paolo Bertolucci ha polemizzato per il mancato invito a tutta la squadra che vinse la Coppa Davis del 1976 alla finale di Malaga tra Italia e Serbia. "Credo che la Fitp avrebbe dimostrato signorilita' invitando alla premiazione oltre al capitano (Nicola Pietrangeli, ndr) anche la squadra del '76", ha scritto su X l'ex azzurro compagno di doppio di Adriano Panatta. "Sarebbe stato il naturale passaggio di consegne. Il silenzio totale della stampa avalla e convalida la scelta. Peccato", ha osservato il 72enne ex tennista toscano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti