Goggia, Lazio, Messi e Barcellona: le ultimissime

La sciatrice dimessa dalla clinica. Crowe fa impazzire i tifosi biancocelesti. Il giocatore argentino diventa un caso in Giappone. Il club spagnolo dovrà pagare una cifra enorme al fisco
2 min

Ascolta le news del momento in meno di due minuti

La Goggia dimessa dalla clinica. Crowe: "Tifo per la Lazio!". Messi diventa un caso. Il Barcellona di nuovo nei guai

ROMA - "Sofia Goggia è stata dimessa dalla clinica La Madonnina di Milano, dove era stata operata lunedì scorso per l'intervento di riduzione della frattura articolare scomposta pluriframmentaria del pilone tibiale destro, rimediata nel corso di un allenamento di gigante a Pontedilegno. Il decorso post operatorio procede regolarmente e la finanziera bergamasca, che ha cominciato nei giorni scorsi la fase passiva di fisioterapia, proseguirà a casa la riabilitazione in accordo con la Commissione Medica Fisi". Lo fa sapere la Federsci dal suo sito.

Tra gli ospiti della terza puntata del Festival di Sanremo c'era anche il premio Oscar, Russell Crowe che poi, ospite di Rtl 102.5, ha presentato il suo tour, che partirà proprio da Roma il prossimo 23 giugno. L'attore ha anche confessato di essere tifosissimo della Lazio: "Sono laziale. Potrei diventare matto allo stadio Olimpico di Roma”, queste le sue parole per la felicità di tutti i tifosi biancocelesti.

Il caso di Lionel Messi e dell'amichevole saltata scuote ancora Hong Kong e la Cina: gli organizzatori della partita del 4 febbraio hanno annunciato che rimborseranno la meta' del prezzo pagato per i 38mila biglietti venduti alla luce del mancato ingresso in campo dell'attaccante argentino, giustificato con un problema al ginocchio. Ma sui social si è scatenata la bufera, anche perché tre giorni dopo la Pulce è scesa in campo con l'Inter Miami al 61mo minuto di un'amichevole a Tokyo: pesanti le accuse di molti tifosi che hanno pagato fino a 600 euro per vedere dal vivo l'otto volte Pallone d'Oro.

Mentre è alla ricerca del nuovo allenatore dopo le dimissioni annunciate di Xavi, il Barcellona deve fare i conti anche con il fisco spagnolo. Infatti blaugrana sono finiti nei guai per degli arretrati Irpef. Secondo una nota del tribunale dell'Audiencia Nacional, i mancati pagamenti fanno parte di operazioni tra il 2012 e il 2015 e si riferiscono a prestazioni versate ad agenti dei giocatori e il club dovròà versare ben 23 milioni di euro al fisco spagnolo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti