Torino-Empoli, soltanto un “2” primo tempo per i granata

Primo posticipo del turno infrasettimanale tra due formazioni che viaggiano a metà classifica con un paio di lunghezze di vantaggio per i toscani
Torino-Empoli, soltanto un “2” primo tempo per i granata© LAPRESSE
TagspronosticoTorinoEmpoli

La quindicesima giornata si chiude con un paio di sfide che presentano diversi motivi di interesse. La prima vede di fronte Torino ed Empoli con i granata che si trovano in classifica, al momento, un paio di lunghezze più in basso rispetto ai toscani. Le posizioni più pericolose non sono lontanissime e quindi i tre punti in palio diventano fondamentali per entrambe le squadre anche se, ad onor del vero, probabilmente potrebbe valere la regola del “meglio non perdere piuttosto che vincere”.

Fai ora i tuoi pronostici!

Otto gare senza pareggio e da sette sempre “1” al 90’

I numeri mostrati dal Torino propongono molti spunti di interesse. La cosa che, ad una prima occhiata, colpisce di più è l’assenza di pareggi. Da otto partite consecutive, infatti, i granata o vincono (in tre occasioni) o perdono (nelle altre cinque) senza mai dividere la posta. Ma non solo... A guardare bene, vincendo in casa e perdendo fuori, Zaza e compagni da sette gare di fila non fanno altro che regalare un segno “1” al novantesimo. Se si guarda all’Empoli, invece, bisogna sottolineare, restando sempre sull’argomento pareggi, che fin qui ne ha fatto registrare soltanto uno, tre turni fa in casa con il Genoa (2-2) e poi basta.

E nel primo tempo chi tanto e chi… niente

Se poi vogliamo dirla tutta c’è un altro elemento, forse quello da tenere in maggiore considerazione, che pretende attenzione: se si esclude il primo match di campionato del Torino in casa contro l’Atalanta, quando le squadre andarono al riposo con i bergamaschi in vantaggio per 1-0 (per la cronaca il finale fu di 1-2), mai in nessuno dei tredici incontri successivi il primo tempo dei granata si è chiuso con un segno “2”. Esattamente l’opposto di quanto fin qui mostrato dall’Empoli che in quattordici partite che ha giocato ben nove volte ha visto il segno “2” materializzarsi a metà gara. E’ proprio il caso di dire a chi tanto e a chi… niente!

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti