Tour de France: in quota è sfida Froome-Porte

Il britannico favorito per il quarto trionfo alla Grande Boucle, piazzato a 2,50. Sull'australiano si punta a 3,50. Aru offerto a 10,00
Tour de France: in quota è sfida Froome-Porte© REUTERS
TagsTourScommesseCiclismo

ROMA - Chris Froome, che il Tour de France lo ha vinto tre volte, ha detto senza mezzi termini che quest’anno il favorito per la Grande Boucle è Richie Porte, australiano della Bmc. Alla vigilia della partenza, in calendario domani, i quotisti Snai confermano parzialmente: Porte, 5° al Tour dell’anno scorso e recente vincitore del Tour di Romandia, è davvero in odore di trionfo, a quota 3,50, ma il numero uno resta proprio Froome, a caccia del suo quarto successo nella corsa gialla e in lavagna a 2,50. In questa stagione il capitano della Sky non ha mai brillato e nelle corse di preparazione ha palesato una condizione ancora imperfetta, ma è abituato a farsi trovare pronto al momento opportuno. Secondo nel 2012, negli anni successivi ha monopolizzato la Grande Boucle, a parte il ritiro del 2014, dovuto a una caduta. Completa il podio dei favoriti, a 6,00, il colombiano Nairo Quintana, partito quest’anno con l’idea della doppietta Giro-Tour, ma solo secondo a Milano.

ARU PER UNA TAPPA Fresco campione d’Italia, Fabio Aru è il quarto nome in lavagna, a 10. Un attestato di stima, considerato che il sardo dell’Astana, 13° l’anno scorso nella prima esperienza al Tour, è seguito da uno come Contador, offerto a 12, e dal campione di casa Romain Bardet, a 15. Proseguendo nella lista, scorrono i nomi di Fuglsang (25), Valverde (25), Majka (33), Geraint (50) e Pinot (50). Si può anche giocare su un piazzamento nei primi dieci, che nella corsa francese ha comunque un valore rilevante: Aru vale 1,25, Contador 1,30, Valverde 1,40, Froome appena 1,12. Ancora su Aru, su cui convergono tutte le speranze italiane: un successo di tappa si gioca a 2,50, la doppietta a 7,50.

CUMMINGS PER LA CRONO Il Tour de France comincia domani a Dusseldorf con una cronometro di 14 chilometri. Largo agli specialisti: il favorito è il tedesco Tony Martin, a 3,00, seguito a 3,50 dallo sloveno Roglic, che di corse contro il tempo quest’anno ne ha già vinte due (l’ultima di recente, al Giro di Romandia). A 5,50 l’olandese Van Emden. La sorpresa, relativa, può essere lo stagionato britannico Cummings, che nei giorni scorsi è diventato bicampione nazionale, sia a cronometro che in linea. È dato a 15.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti