La nutrizione nel Covid-19: una ricerca spiega come frenare le forme più gravi

Imparare una lezione dalla pandemia H1N1 del 1918: ecco perché una dieta a base di frutta, verdura, noci e legumi supporta l’immunità e riduce il rischio di infezione
La nutrizione nel Covid-19: una ricerca spiega come frenare le forme più gravi© iStock
3 min

Le diete a base vegetale supportano l’immunità, che può ridurre il rischio di grave infezione da Covid-19, secondo una nuova indagine dei ricercatori del Physicians Committee for Responsible Medicine e pubblicato dall’American Journal of Lifestyle Medicine. L’articolo esplora le lezioni apprese dall’epidemia di influenza H1N1 del 1918. Gli alimenti a base vegetale sono ricchi di nitrati e antiossidanti che supportano la salute del cuore e migliorano l’immunità contro le infezioni respiratorie. «Nella ricerca di soluzioni alla pandemia di Covid-19, abbiamo trovato lezioni importanti in quella dell’ influenza H1N1 del 1918-1919 - afferma Hana Kahleova, direttrice della ricerca clinica presso il Physicians Committee e autrice dell’articolo -. Durante quel tragico evento i soldati hanno avuto buoni risultati rispetto alla popolazione civile, ma quelli migliori sono stati riportati da un seminario avventista del settimo giorno, dove è stata fornita una dieta a base vegetale con la promozione di cibi come frutta, verdura, cereali, legumi vari, semi e noci».

Gli studi recenti 

Altri studi recenti che confrontano la nutrizione con i risultati di Covid-19 mostrano dati simili con le diete a base di frutta e verdura, che supportano un minor rischio di sintomi da moderati a gravi di Covid-19. Uno studio con quasi 600mila partecipanti ha mostrato che le persone con un consumo elevato di frutta e verdura avevano un rischio ridotto del 9% di Covid-19 di qualsiasi gravità e uno ridotto grave del 41%. Un altro studio sugli operatori sanitari, che sono stati frequentemente esposti a Sars-Cov-2 nella loro pratica clinica, ha dimostrato che coloro che hanno riferito di seguire una dieta a base vegetale avevano un rischio inferiore del 73% di sviluppare forme di malattia da moderata a grave. La dott.ssa Kahleova ha anche recentemente pubblicato i risultati di uno studio di ricerca, in base al quale una dieta a base vegetale ha aiutato i lavoratori degli ospedali di Washington DC a migliorare la loro salute e la qualità della vita durante la prima ondata della pandemia. "Sulla base delle lezioni del 1918 e della recente ricerca nutrizionale sul Covid-19, sembra probabile che una sana dieta a base vegetale sia un potente strumento per ridurre il rischio di malattia grave - afferma la dott.ssa Kahleova -. Per questo motivo, la nutrizione a base vegetale dovrebbe essere promossa come una delle misure chiave di salute pubblica per ridurre la diffusione del Covid-19 e combattere la pandemia di oggi".

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti