Dimagrire prima di un incontro: ecco quali sono le conseguenze

Per gli sportivi da combattimento, perdere rapidamente peso può aumentare il rischio di commozioni cerebrali e diagnosi errate
Dimagrire prima di un incontro: ecco quali sono le conseguenze© iStock
4 min

Chi combatte e diminuisce rapidamente il peso prima degli incontri corre un rischio maggiore di subire commozioni cerebrali o di ricevere diagnosi errate di trauma cranico. Oltre il 60% degli atleti di sport da combattimento, come il pugilato e le arti marziali miste (MMA), ha rivelato che i propri sintomi sono peggiorati dopo essersi disidratati per raggiungere classi di peso rigide prima degli incontri.

Rimedi "controversi"

Questi rimedi un po’ controversi prevedono che i concorrenti smettano di bere acqua e si sottopongano a lunghi periodi in sauna, per perdere rapidamente peso. Gli atleti di MMA hanno riportato una gravità di commozione cerebrale superiore del 40% rispetto ad altri sport, in particolare al pugilato, a causa del mix di colpi e contatto con il suolo. Lo studio condotto dai ricercatori della St Mary’s University, dell’Università di Essex e dell’Università di Swansea arriva dopo una serie di tragedie legate alla drastica riduzione di peso, con alcuni atleti che sono addirittura morti nel tentativo di ottenere un vantaggio competitivo percepito, gareggiando in una classe di peso inferiore. I ricercatori hanno scoperto per la prima volta che, quando i concorrenti si disidratano drasticamente per soddisfare le severe classi di peso, i sintomi associati possono “confondere le acque” dei test di concussione di base, a causa di sintomi simili.

Un controllo maggiore

Questo perché i sintomi dell’ipoidratazione, quando i concorrenti entrano in deficit idrico, corrispondono ai segni di commozione cerebrale, come vertigini, mal di testa e letargia. Questo studio ha dato il via a ulteriori indagini sulle implicazioni neurologiche di una rapida perdita di peso e i ricercatori hanno invitato gli organi di governo a controllare i livelli di idratazione dei combattenti prima degli incontri. "Questo studio dimostra che gli attuali test per le commozioni cerebrali non tengono conto dei sintomi derivanti dalla disidratazione, mettendo potenzialmente a rischio i combattenti - afferma Nasir Uddin, ricercatore della St Mary’s University -. Non solo la riduzione del peso attraverso la disidratazione è di per sé pericolosa, ma potrebbe anche esacerbare i sintomi della commozione cerebrale e, cosa ancora più preoccupante, i professionisti del settore medico potrebbero sbagliare la diagnosi - aggiunge -. In futuro, gli organi di governo dovrebbero garantire che l’idratazione e i sintomi di base della commozione cerebrale siano presi in considerazione prima e dopo gli incontri". Lo studio, pubblicato sul Clinical Journal of Sports Medicine, ha intervistato più di 130 atleti anonimi in rappresentanza di sei sport da combattimento, tutti di età pari o superiore ai 18 anni e che in precedenza avevano ridotto repentinamente il peso. La ricerca ha anche scoperto che il 65% dei combattenti ha avuto un’esperienza dimagrimento “non andata secondo i piani”, soffrendo di una mancanza di energia, forza, potenza, coordinazione o di una maggiore predisposizione a essere “frastornati” durante un incontro. Ciò significa che questa pratica pericolosa potrebbe non offrire un vero vantaggio competitivo. «Questa è forse la scoperta più sorprendente: non solo diminuzioni nette e veloci di peso sono pericolose ma il più delle volte lasciano i combattenti in una posizione di svantaggio e possono esacerbare i rischi di ulteriori infortuni», conclude il dottor Jamie Tallent, dell’Università dell’Essex.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti