Cavalli e pony, terapia speciale per i giovani

Il progetto è destinato all’inclusione sociale dei pazienti oncologici attraverso gli sport equestri
Cavalli e pony, terapia speciale per i giovani© iStock
4 min

In occasione dell’89° Csio Roma 2022 di Piazza di Siena, Fise (Federazione Italiana Sport Equestri) e Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs si sono incontrati per formalizzare il protocollo di collaborazione, per l’umanizzazione della cura ospedaliera attraverso il supporto di cavalli e pony. Il progetto è rivolto a tutti i pazienti oncologici (bambini e ragazzi tra i 4 e i 18 anni). La Fondazione Gemelli Irccs si pone l’intento di proporre un sostegno psicologico pediatrico integrato ad altri servizi, ampliando le modalità di presa in carico dei pazienti con l’introduzione dello svolgimento di attività di Interventi Assistiti con il Cavallo.

L'iniziativa 

La Fise, attraverso i propri circoli ippici dislocati sul territorio nazionale, intende promuovere il progetto destinato all’inclusione sociale dei ragazzi attraverso gli sport equestri. Il principale compito della Federazione sarà quello di curare la selezione dei circoli da coinvolgere nel progetto; curare la formazione degli istruttori e tecnici; seguire il tesseramento dei pazienti con le dovute coperture assicurative; organizzare attività pre-sportiva adatta e integrata all’interno dei circoli Fise. "Cavalli e pony sono grandi compagni di sport, ma molto spesso diventano dei veri e propri terapeuti e compagni di vita - dichiara Marco Di Paola, presidente della Federazione Italiana Sport Equestri -. Il protocollo firmato con il Policlinico Universitario Gemelli sottolinea come queste splendide creature riescano a sostenere i bambini nel globale stravolgimento causato dalla malattia oncologica. La Fise è sempre attenta e sensibile a iniziative che abbiano come oggetto l’inclusione, il reintegro alla vita e alla normalità. La Federazione crede fortemente nel ruolo sociale dello sport e di tutte le attività praticate con l’impiego di cavalli e pony, inconsapevoli terapeuti al fianco dell’uomo". "Siamo felici di firmare questo protocollo con Fise in una cornice così prestigiosa come Piazza di Siena. Questa collaborazione consentirà di realizzare iniziative e progetti finalizzati a migliorare la qualità della vita dei nostri piccoli pazienti con un effetto positivo sul loro percorso di cura", sottolinea il Marco Elefanti, direttore generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs. "L’interazione e il prendersi cura di un cavallo costituiscono una risorsa essenziale al recupero di fiducia del proprio corpo e delle proprie capacità. Questo rapporto esclusivo è di grande aiuto al superamento delle difficoltà della malattia e delle sue cure", aggiunge il prof. Antonio Ruggiero, direttore Oncologia pediatrica del Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs. Il progetto si divide in tra ambiti: In Therapy, attività di avvicinamento etologico del cavallo, rivolte ai pazienti sottoposti a terapia oncologica, da svolgersi nelle aree appositamente individuate all’interno del perimetro della Fondazione. Questa attività non prevede la messa in sella; Off Therapy, cioè attività rivolte a pazienti che hanno terminato il ricovero da effettuarsi durante i Family Day e presso i Circoli Ippici Fise. In questa fase dell’attività è prevista la possibilità di svolgere il lavoro del cavallo montato, in base alle fasi di progressione previste per ciascun paziente e dal suo interesse a questo tipo di attività. Infine, Open Day: attività con pony finalizzate all’interazione tra pazienti pediatrici ospedalizzati e figli dei dipendenti del Policlinico Universitario A. Gemelli Irccs, che intensifica l’attività di relazione sociale tra i ragazzi e il cavallo.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti