Sport Style

Sport & Style

Vedi Tutte
Sport & Style

A Roma tatuatrici da tutto il mondo

A Roma tatuatrici da tutto il mondo

Allo Sheraton di via del Pattinaggio una convention dedicata alle migliori tatuatrici del panorama mondiale 

Sullo stesso argomento

 

venerdì 4 marzo 2016 18:31

ROMA - Da domani a domenica alcune tra le migliori tatuatrici del mondo si ritroveranno allo Sheraton Hotel di via del Pattinaggio a Roma. Un ambiente legato al machismo come quello del tatuaggio è stato rivoluzionato dall'avventi di artiste che con la loro sensibilità e la loro creatività hanno dato una svolta positiva a un'abitudine legata a professioni disprezzabili o alla malavita. Lo stereotipo del galeotto-tatuato è duro a morire, ma grazie all'intervento femminile anche il mondo del tattoo è stato sdoganato. Fino a qualche anno fa il tatuaggio era un affare esclusivo di criminali, magari legati a qualche gang, oppure alle tradizioni culturali di popoli ritenuti arretrati e da educare. Oggi tutto si è capovolto. Il tatuaggio è una moda da cavalcare: manager di successo ne sono tappezzati, per non parlare dei calciatori o degli sportivi in generale che ne sfoggiano di nuovi a ogni partita o competizione.  

 «The Other Side of the Ink» è la convention che esalta il lato femminile di questa arte. L'evento, giunto alla sua quarta edizione, è un'occasione unica per tutti gli appassionati che vogliono rinnovare il proprio parco tattoo e per tutti quei profani che si vogliono avvicinare a una pratica così affascinante. Una due giorni intensa che vedrà la presenza di tatuatrici del calibro di Paula Alarcon di Cutter Cat e Rebecca Lopez dalla Spagna, le francesi Loren Quénard-Garnier di Eternal-Ink e Julie di Isso Tattoo, poi le tatuatrici dello studio Vro Triptyc Tatoo Art di Ginevra e tante italiane come Grazia Derenzo di Lilith Divine e Giulia Bongiovanni dello studio romano Ultimi Romantici. Un appuntamento imperdibile per osservare queste professioniste del tatuaggio all'opera e per conoscere nuovi stili o tecniche: dal black'n'gray all'old school, dal japanese ai maori, a quelli realistici.

Articoli correlati

Commenti