Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Bologna
0

Bologna, Schouten: prima il dramma, poi la rinascita

Il centrocampista olandese, a 18 anni, non riusciva quasi più a camminare: undici mesi di stop e due operazioni

Bologna, Schouten: prima il dramma, poi la rinascita
© FOTO SCHICCHI

BOLOGNA - A 18 anni ha vissuto l'anno più buio della sua carriera. Un vortice nero che rischiava di inghiottire Jerdy Schouten, che non riusciva neanche più a camminare senza sentire dolore. Non poteva nemmeno fare una passeggiata in tranquillità. Figurariamoci giocare su un campo di calcio. I dottori non avevano capito subito il problema che affliggeva l'attuale centrocampista del Bologna e, una volta arrivata, la sentenza non fu facile da accettare: sindrome compartimentale alla tibia.

Coronavirus, per Tommasi è impensabile riprendere allenamenti

Forza

Seguirono due operazioni e 11 mesi di stop. Ma Schouten, dopo l'iniziale momento di sconforto, ha immediatamente rialzato la testa con l'idea di tornare più forte di prima. Non gli piace arrendersi e chi lo conosce bene sa che quando il suo Bologna perde è consigliato non parlargli per diverse ore. Così, dopo essersi circondato per la riabilitazione dallo staff che ha seguito Kevin Strootman [...]

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SULL'EDIZIONE DIGITALE DEL CORRIERE DELLO SPORT

Tutte le notizie di Bologna

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti

In edicola