Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato Fiorentina, Sousa: «Futuro? Non dipende solo da me»

Calciomercato Fiorentina, Sousa: «Futuro? Non dipende solo da me»
© ANSA

Il tecnico: «Restare dipende anche dai risultati che ottengo. Con l'Udinese più importante che con la Juventus»

 

martedì 19 aprile 2016 13:31

FIRENZE - "Quello fatto fin qui non mi basta mai". Il tecnico della Fiorentina, Sousa, si prepara così al prossimo impegno di campionato, contro l'Udinese: "Io guardo sempre a quanto si deve ancora fare. Sono contento che la squadra si sia riavvicinata agli standard del passato. Ma non è abbastanza, c'è sempre da lavorare per arrivare ai massimi livelli.I risultati ti aiutano perché viviamo di risultati, quando non arrivano ti allontani dalla determinazione che avevamo avuto all'inizio".

CLASSIFICA SERIE A

I SINGOLI - "Badelj e Vecino possono giocare anche ogni tre giorni, hanno la capacità di recuperare come mi hanno sempre dimostrato. L'unico non a disposizione è Kone per un problema ai flessori. Borja Valero? La diffida è arrivata diverse partite fa e non lo ha mai condizionato. Ha preso una botta, nulla di preoccupante. Oggi si allenerà con la squadra e sarà a disposizione. Turn over? Cercheremo di capire chi sono i migliori giocatori che possono andare in campo in base al prossimo avversario. Kalinic con Zarate? Ci avevo già pensato per il Sassuolo. Può anche giocare a fianco di Ilicic. Ci stiamo lavorando e prima o poi potrebbe succedere".

PROBABILI FORMAZIONI

I CORI DELLA JUVE - Sui cori antisemiti dei tifosi bianconeri: "Non dobbiamo dargli pubblicità. Da parte dei giornalisti, dare enfasi a questi episodi è fare politica e non è buono per migliorare il calcio".

CALENDARIO SERIE A

VERSO L'UDINESE - "Con l'Udinese è più importante di quella con la Juve. Non solo perché è la più vicina. Vincere ci permette di essere più convinti anche verso il futuro, per questo abbiamo bisogno di vincere domani"

FUTURO - "Non ho voglia di ripetermi: ho un contratto e ho la testa alla Fiorentina. Restare non dipende solo da me. Dipende dai risultati che ottengo: non mi piace prendere in giro, mi piace essere diretto".

CALCIOMERCATO

IL MOMENTO DELLA FIORENTINA - "Siamo partiti bene in tutte le partite, tranne contro il Verona. Le analisi spesso sono condizionate da tante occasioni, create ma non realizzate.Quello che possiamo fare è avvicinarci al traguardo dando tutto senza limiti perché questo rende orgogliosi tutti i nostri tifosi. Sbagliare un gol succede, ma i momenti emozionali sono importanti. Nei momenti difficili dobbiamo continuare a lavorare al meglio per oltrepassarli questi momenti. Spero che quello che abbiamo fatto domenica ci dia la carica giusta per vincere le prossime partite".

Articoli correlati

Commenti