Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato Bologna, Donsah via. Obiettivo Mandragora

Calciomercato Bologna, Donsah via. Obiettivo Mandragora
© LaPresse

Il ghanese si è messo da solo alla porta. In arrivo Gonzalez dal Palermo, anche De Maio è molto vicino

Sullo stesso argomento

 

sabato 17 giugno 2017 13:57

BOLOGNA - Godfred Donsah annuncia l'imminente separazione del Bologna. Lo ha fatto dal Ghana, mettendosi da solo sul mercato. Il 21enne centrocampista era arrivato a Casteldebole nell'estate del 2015, voluto espressamente dall'allora ds Corvino, per una cifra vicina ai 6 milioni di euro, spalmati in più tranche. Il rendimento non è stato all'altezza delle aspettative. Il primo anno ha giocato 20 partite, segnando 2 gol. In quest'ultima stagione i numeri sono poca cosa: 13 presenze (10 da titolare, solo 7 le partite giocate per intero) e 2 assist; un contributo davvero minimo, a causa dei continui guai muscolari che l'avevano afflitto fin dal ritiro estivo. Queste le possibili destinazioni di Donsah: Sampdoria, Fiorentina e Torino. Due gli ostacoli: ha un contratto che scade nel 2020 e la voglia del Bologna di rientrare dalla spesa fatta.

TUTTO SUL CALCIOMERCATO

GLI ALTRI NOMI - C'è Mandragora in cima alla lista dei desideri. Il Bologna l'ha chiesto ufficialmente alla Juventus, che però preferirebbe cederlo in prestito. E se così fosse, la concorrenza, per il Bologna, è agguerrita. Sulle tracce del talentuoso centrocampista ci sono anche il Genoa, la Samp e il Sassuolo. All'inizio della prossima settimana il ds Bigon proverà a sondare ancora il terreno, anche perché con la Juventus è aperto anche il discorso che porta ad Orsolini, l'esterno sinistro che ha chiuso la stagione con l'Ascoli. Bigon intanto sta per chiudere con Gonzalez del Palermo. Arriverà in prestito con obbligo di riscatto, fissato a 1,5 milioni e firmerà un triennale. Il suo sbarco a Bologna non esclude quello di De Maio, perché l'intenzione della dirigenza è quella di portare alla corte di Donadoni due centrali affidabili.

Articoli correlati

Commenti