Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato Fiorentina, Falcinelli e Dabo: «Pronti a far bene»

Calciomercato Fiorentina, Falcinelli e Dabo: «Pronti a far bene»

I due nuovi acquisti viola sono stati presentati in conferenza stampa

Sullo stesso argomento

 

giovedì 1 febbraio 2018 13:56

FIRENZE - "Sassuolo? Abbiamo, e ho, trovato delle difficoltà. Pensavamo di fare un altro campionato e dopo cinque anni con Di Francesco avevamo cambiato allenatore, ma spero di tornare ai livelli della stagione scorsa. Voglio giocarmi questa possibilità, sono contento di essere in una piazza così importante". Il nuovo attaccante della Fiorentina, Diego Falcinelli, si presenta così all'inizio della propria avventura in viola: "Mi trovo bene nel gioco a due punte, faccio più fatica in un gioco più offensivo. Il mio ruolo è giocare accanto a un altro attaccante, sono uno di movimento e non mi piace stare fermo. Pioli? Sono contento di averlo ritrovato, mi ha fatto esordire in B. Mi ha fatto un'ottima impressione come uomo e come allenatore. Sarà importante riportare entusiasmo. Titolare? Nel calcio nulla è scontato, sono qui sapendo a cosa andavo incontro: ce la metterò tutta per trovare spazio, ma prima di tutto viene la squadra. La classifica viola? Affrontandola, la Fiorentina mi ha impressionato per fisicità e qualità, ma con tanti nuovi non è semplice trovare continuità. Ma come qualità è tra le migliori. Perché qui? Non potevo rifiutare, è l'occasione della vita. Già in estate volevo un top club, ma questo è slittato di qualche mese. Sbaglierò qualcosa: ma prometto la maglia sempre sudata. Obiettivi? Sono convinto di far bene e che la squadra possa ambire a salire in classifica". Chiusura sul numero di maglia: "L'undici mi ha portato fortuna".

TUTTO SUL CALCIOMERCATO

DABO - Presentato anche il nuovo centrocampista Bryan Dabo: "Sono felice di aver firmato, il campionato italiano è tattico e difficile. Ammiro Pogba, ha qualità e intelligenza. Io ho giocato centrocampista o mediano, mi so adattare a più ruoli, il tecnico mi aiuterà a farlo. Per me non importa giocare titolare o no, ma il livello delle prestazioni. Capisco l'italiano se parlato bene: con Veretout ho giocato insieme, ho parlato con lui ed Eysseric. Mi hanno parlato bene della città, mi hanno dato consigli e penso che tutto andrà per il meglio.Firenze è stata una scelta semplice. Quando mi è arrivata la proposta non ci credevo e in un'ora ho fatto la mia scelta. Il nostro campionato è più atletico e ci scopriamo di più, in Italia è tutto molto tattico. Come obiettivo ho quello di giocare il più possibile e dare come squadra soddisfazione ai tifosi. La numero 14? L'avevo già al Montpellier in Francia. Mi piace sin da piccolo perché sono stato tifoso di Henry".

TUTTO SULLA FIORENTINA

Articoli correlati

Commenti