Empoli, Andreazzoli: "Venezia squadra ostica. Pensiamo alla salvezza"

Il tecnico: "Abbiamo seminato molto e adesso vogliamo raccogliere. In Veneto serve massima attenzione"
Empoli, Andreazzoli: "Venezia squadra ostica. Pensiamo alla salvezza"© BARTOLETTI

EMPOLI - "Sassuolo? Non è stato un risultato sfortunato, ma meritato perché non abbiamo saputo contrapporci: la partita si era anche rimessa bene, poi l'espulsione ha chiuso la partita. Ma ce la vogliamo mettere alle spalle, l'abbiamo persa sotto ogni punto di vista". In vista del match con il Venezia, il tecnico dell'Empoli Aurelio Andreazzoli si è focalizzato inizialmente sull'ultima uscita della sua squadra. Poi spazio al prossimo incontro: "Nella gara di andata ho fatto mea culpa, ma ora è difficile paragonare la gara di allora a quella di adesso. Il Venezia è una squadra ostica, a cui dobbiamo prestare la massima attenzione. L'abbiamo naturalmente studiata di nuovo per avere le idee ancora più chiare. Il nostro obiettivo resta la salvezza. Sono stati bravi i ragazzi e la classifica non ce l'ha regalata nesuno, ma quello che manca ce lo dobbiamo conquistare. Abbiamo seminato molto e adesso vogliamo raccogliere". Situazione complicata in difesa per Andreazzoli: "Romagnoli sta bene e ci sarà. Sulla sinistra abbiamo fuori sia Parisi che Marchizza, dobbiamo decidere chi giocherà. Difesa a tre? Potrebbe essere, non abbiamo ancora deciso. Purtroppo quando il numero di calciatori è limitato si va in sofferenza e mi dispiace. Anche perché sia per la classifica che per le soddisfazioni personali, in una settimana così impegnativa con tre gare ravvicinate ci piacerebbe molto contare su tutti, ma non so se sarà possibile farlo. Avremo il numero minimo di calciatori, faremo il meglio che possiamo", ha concluso.

Andreazzoli: "Io non abbandono il discorso salvezza"
Guarda il video
Andreazzoli: "Io non abbandono il discorso salvezza"

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti