Sassuolo, De Zerbi: "Europa League difficile, ma ce la giochiamo"

Il tecnico verso la Sampdoria: "Quagliarella immortale, sarà un test difficile. Caputo e Djuricic out, Raspadori quasi"
Sassuolo, De Zerbi: "Europa League difficile, ma ce la giochiamo"© Getty Images

SASSUOLO - "Questo è un periodo in cui il mio Sassuolo è un po' più maturo e riesce a leggere i momenti delle gare. A Milano nel primo tempo abbiamo sofferto un po', anche a causa dell'attesa nel modificare qualcosa, poi però è venuto fuori l'aspetto fisico visto che abbiamo chiuso in crescendo e vinto, credo, con merito". Comincia così la conferenza di Roberto De Zerbi, a SassuoloChannel, alla vigilia della gara con la Sampdoria di domani. "Differenza di punti tra casa e trasferta? Una casualità aver raccolto meno in casa, noi facciamo il nostro gioco ovunque tanto che abbiamo vinto a Napoli e Milano, ma giocato anche ottime gare contro Inter, Lazio e Roma. Dimostra che i miei giocatori hanno una mentalità coerente". Poi è il turno della Sampdoria: "Un test difficile e importante perchè sono subito dietro di noi, hanno sorpassato il Verona e anche loro giocano con uno stile proprio: sono aggressivi e coraggiosi, ma con qualità. Per noi - ammette il tecnico neroverde - sarebbe importante vincere per chiudere, più o meno, il discorso ottavo posto. Quagliarella? Immortale, ma non c'è solo lui. Ci sono Gabbiadini, Keita, Ramirez, Verre, Candreva, tutti giocatori che sulla trequarti cambiano le partite e hanno solidità dietro e in mezzo al campo. Sono molto, molto organizzati".

La doppietta di Raspadori stende il Milan. Calhanoglu non basta
Guarda la gallery
La doppietta di Raspadori stende il Milan. Calhanoglu non basta

"Europa League? Difficile, ma ce la giochiamo"

Sulle chance di centrare l'Europa League: "La scorsa settimana c'è stato qualche dubbio la settimana scorsa che ci fosse qualcosa di possibile-impossibile ma questa eventualità è stata subito tolta. Se c'è la possibilità di agganciare qualcuno davanti a noi ce la giochiamo. E' chiaro che è difficile perché la Roma poi è una squadra forte, ci sono 6 punti, ma ce la giochiamo fino a quando ci sarà l'aritmetica". La chiosa è sulla formazione: "Caputo? Non ci sarà, così come lo squalificato Djuricic, mentre Raspadori dobbiamo valutarlo oggi e domani: ha avuto un problema e non so se lo riusciremo a recuperare, quindi c'è da stringere un po' i denti, bisognerà cercare soluzioni alternative sia tattiche sia negli uomini, a partire dall'inizio ma soprattutto a partita in corso perché nelle ultime due hanno spostato gli equilibri quelli che sono subentrati" ha concluso De Zerbi.

Corriere dello Sport in abbonamento

Insieme per passione, scegli come

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti