Corriere dello Sport

Tennis

Vedi Tutte
Tennis

Tennis, Federer con Ljubicic per diventare l'uomo da 100 milioni di dollari

Tennis, Federer con Ljubicic per diventare l'uomo da 100 milioni di dollari
© Getty Images

Il tennista svizzero vuole essere ancora competitivo nel 2016 e in caso di nuovi successi potrebbe fare ancora di più la storia del tennis sfondando un muro impensabile per montepremi accumulato nella sua carriera: «Mi sento di continuare a spingere e poi vedremo quello che succederà»

Sullo stesso argomento

 

sabato 2 gennaio 2015 12:32

ROMA - Nuovo anno, nuova stagione per Roger Federer. Il tennista svizzero è pronto ad un'altra annata di successi e nonostante i suoi 34 anni vuole continuare a stupire. Da quest'anno l'ex numero 1 sarà affiancato dal nuovo coach Ivan Ljubicic (ex allenatore di Raonic) e l'esordio ci sarà la prossima settimana al torneo di Brisbane dove l'elvetico dovrà difendere il titolo vinto lo scorso gennaio proprio contro il canadese. Il nuovo tecnico di Federer è entrato a far parte del team dello svizzero insieme a Severin Luthi allenatore principale del campione. E il primo obiettivo per Federer sarà quello di diventare il primo tennista della storia a conquistare nella sua carriera oltre 100 milioni di dollari. Al momento le sue vincite totali ammontano a 97,303,556 dollari ma un eventuale trionfo agli Australian Open permetterebbero all'ex numero di fare la storia.

TUTTO SUL TENNIS - CLASSIFICA MASCHILE

CONTINUARE A VINCERE - Si tratta ovviamente di uno dei tanti obiettivi di Roger per l'anno nuovo. Quello primario è essere sempre competitivo e continuare a vincere: "Ho giocato molto bene per oltre un anno e mezzo, da quando sono tornato dai miei problemi alla schiena nel 2013. È stato molto incoraggiante, sono più sicuro di quanto lo fossi forse un anno fa. Djokovic? Il 2016 è stato il suo anno, ha giocato così bene che c'era poco da fare. È un peccato per me, ma allo stesso tempo non mi dispiace. Ho vinto così tanto in tutta la mia carriera, mi sento di continuare a spingere e poi vedremo quello che succederà, va bene così".

Articoli correlati

Commenti