Tennis
0

Coronavirus, Becker: "Gli Us Open vanno cancellati"

Così l'ex campione di sei tornei del Grande Slam: "New York è stata praticamente la città più colpita dal Covid-19. Non penso che sarebbe saggio organizzare una manifestazione lì"

Coronavirus, Becker:
© Getty Images

LOS ANGELES (Stati Uniti) - "New York è stata praticamente la città più colpita dal virus un paio di settimane fa. Non penso che sarebbe saggio organizzare un torneo lì". Boris Becker, ex tennista campione di sei tornei del Grand Slam e che vinse a Flushing Meadows nel 1989, confida a Laureus che gli Us Open non si debbano svolgere a causa del Coronavirus. La U.S. Tennis Association prevede di decidere entro giugno se organizzare il suo torneo Grand Slam come previsto dal 31 agosto al 13 settembre. I tour professionali hanno sospeso la competizione almeno fino a metà luglio. Wimbledon è stato annullato per la prima volta in 75 anni. Quella cancellazione "lascerà un vuoto grande e vuoto", ha detto Becker, che ha vinto titoli all'All England Club nel 1985, 1986 e 1989.

Tutte le notizie di Tennis

Per approfondire

Caricamento...

Potrebbero interessarti