Ranking WTA: Trevisan sale di 76 posizioni, Barty resta in testa

La 26enne di Firenze è 83esima, dietro la miglior italiana Camila Giorgi, 74esima

PARIGI - Una sola variazione ed uno scambio di poltrona nella top ten del ranking femminile pubblicato stamane dalla Wta alla conclusione del Roland Garros di Parigi. Sul trono c'è sempre l'australiana Ashleigh Barty, in vetta per la 36esima settimana consecutiva (la 43esima complessiva), seguita dalla rumena Simona Halep e dalla giapponese Naomi Osaka. Sale al quarto posto, a soli dieci punti dalla nipponica e dal best ranking, la statunitense Sofia Kenin, finalista a Parigi, che si scambia la poltrona con la ceca Karolina Pliskova, che scende al sesto posto: in mezzo, stabile in quinta posizione, c'è l'ucraina Elina Svitolina. Settima posizione per la canadese Bianca Andreescu mentre in ottava risale la ceca Petra Kvitova che torna nell'elite mondiale grazie alla semifinale al Roland Garros. La 30enne di Bilovec fa scivolare indietro di una posizione sia l'olandese Kiki Bertens, nona, che la statunitense Serena Williams, che chiude la top ten. Grazie al trionfo parigino fa un balzo di 37 posti la 19enne polacca Iga Swiatek, ora numero 17, naturalmente best ranking. La terra francese regala il record anche all'argentina Nadia Podoroska, arrivata in semifinale partendo dalle qualificazioni, che passa dal numero 131 al numero 48 con un balzo di 83 posizioni.

Ranking ATP: Sinner entra in top 50, Djokovic ancora primo

La situazione delle italiane

Camila Giorgi conferma la leadership tricolore nella classifica Wta: la 28enne di Macerata guadagna una posizione e sale al numero 74. L'exploit però lo firma Martina Trevisan che, grazie ai suoi primi quarti Slam al Roland Garros, guadagna ben 76 posizioni passando dal numero 159 all'83. Alle spalle della 26enne di Firenze fanno un passo indietro sia Jasmine Paolini, 95esima, che Elisabetta Cocciaretto, 130esima. Fa un balzo di 13 posti, invece, Sara Errani, ora numero 137, mentre scivola indietro di otto gradini Giulia Gatto Monticone, 164.

Commenti