Becker, attacco incredibile a Musetti dopo il ritiro con Djokovic!

L'ex campione tedesco: "Non ho visto un grave infortunio, per questo non credo che vada bene fermarsi, serve rispetto"
Becker, attacco incredibile a Musetti dopo il ritiro con Djokovic!
TagsRoland Garros

PARIGI (Francia) -  Boris Becker, uno dei più grandi tennisti di tutti i tempi, vincitore tre volte in carriera del Roland Garros, ha criticato aspramente il ritiro di Lorenzo Musetti nel quinto set del match contro Novak Djokovic nella kermesse parigina. Il tennista italiano ha abbandonato il match sul 4-0 per l'avversario, a causa di condizioni fisiche non ottimali. "Non ho visto un grave infortunio, per questo non credo che vada bene fermarsi", dichiara a Eurosport il tedesco.

Roland Garros, Djokovic: "Musetti ha grandi qualità"

Roland Garros, Musetti si ritira: Djokovic ai quarti contro Berrettini

Becker, l'accusa a Musetti: "Non ho visto un grave infortunio"

Lorenzo Musetti non è riuscito a portare a termine la sfida contro Novak Djokovic a causa di un problema all'inguine e ai flessori. Dopo l'iniziale vantaggio di due set l'italiano ha subìto il veemente rientro del serbo che ha ribaltato la situazione. Il classe 2002 ha giocato un ottimo tennis per tutta la partita, ricevendo la standing ovation del pubblico e gli applausi del suo avversario. Il suo infortunio non ha però convinto Boris Becker, che ha dichiarato:" Dovresti rispettare l'altro giocatore e dire ‘oggi mi batte'. Così sarebbe stato 6-0. È una prova di maturità, anche se atleticamente non sei più al top. Novak è un campione ed è abituato a certe situazioni. Avrà pensato ‘Posso battere il numero uno al mondo qui' e in quei minuti aveva già perso il terzo set. Devi sempre credere in te stesso dall'inizio alla fine, soprattutto contro i grandi. Lorenzo Musetti è il miglior adolescente insieme a Jannik Sinner. Ha creato molti problemi a Djokovic: fa tutto bene, non ha un colpo eccezionale, ma il servizio va bene, il movimento, la tecnica, e anche la fiducia perché ha vinto troppe partite". Sicuramente, secondo Becker, un problema di atteggiamento: "Quando affronti i più grandi devi essere pronto fisicamente e mentalmente. I giovani talenti non lo capiscono. Non si tratta solo di giocare a tennis, si tratta di carattere e personalità". E a proposito della prossima sfida tra Djokovic e Berrettini, Becker punta sull'italiano: "Per me è in vantaggio Berrettini. Ha una giornata di riposo adesso e non ha avuto partite lunghe prima. Ora ha guardato la partita molto da vicino e ha visto che Djokovic è battibile", conclude il campione tedesco.

 

 

Corriere dello Sport in abbonamento

Riparte la Serie A

Abbonati all'edizione digitale del giornale. Approfitta dell'offerta a soli 0.22 euro al giorno!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti