Berrettini: "Voltare pagina. Io e Sinner meritiamo le Finals"

Il 25enne romano, ko in due set con Fritz: "Non avevo l'adrenalina giusta"
Berrettini: "Voltare pagina. Io e Sinner meritiamo le Finals"© EPA
TagsAtpsinnerBerrettini

ROMA – Finisce al terzo turno l’avventura di Matteo Berrettini all’Atp Masters 1000 di Indian Wells. Il tennista romano, eliminato dallo statunitense Fritz per 6-4, 6-3, ha ammesso di non essere riuscito a trovare la sua dimensione in campo: “Non avevo l'adrenalina giusta, la giusta tensione e quindi ovviamente ero più lento, servivo male non riuscendo ad essere incisivo. Ora devo voltare pagina, mi gestirò in maniera tale da poter giocare a Vienna, Parigi, e speriamo a Torino con la Davis, questo è il programma". Lucida e critica l’autoanalisi del tennista numero 7 al mondo dopo la sconfitta: “So di non aver fatto la prestazione migliore dell'anno, più che altro credo sia una questione di energie nervose. È una condizione mentale, ho giocato tante partite in questa stagione con un atteggiamento molto buono e con una buona energia. Purtroppo, o per fortuna, era tanto tempo che non succedeva questa cosa".

Sfumato il derby contro Sinner

Niente duello azzurro con Sinner, già agli ottavi: "L'ho visto e gli ho fatto un in bocca al lupo, sarebbe piaciuto anche a me, sarebbe stata una cosa bella però speriamo magari giocare contro in un qualche torneo importante". Berrettini ha poi commentato la stagione del ventenne altoatesino: "E' impressionante quello che sta facendo a questa età. Sarebbe bellissimo se tutt'e due arrivassimo a Torino, e credo di non dire una falsità quando dico che abbiamo fatto entrambi un'annata buonissima. Lui ha addirittura vinto tre tornei. Credo di meritarmelo, e credo che lo se meriti anche lui. Ovviamente, ci sono altri giocatori pronti a toglierci il posto quindi finché non è matematico ancora non dobbiamo festeggiare".

Corriere dello Sport in Offerta!

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti