Tennis, la Wta minaccia di lasciare la Cina: servono chiarimenti su Peng Shuai

Le parole del numero uno del circuito femminile, Steve Simons: "Siamo pienamente preparati a ritirare le nostre attività e ad affrontare tutte le complicazioni che ne seguiranno"
Tennis, la Wta minaccia di lasciare la Cina: servono chiarimenti su Peng Shuai
1 min

PECHINO - "Siamo pienamente preparati a ritirare le nostre attività e ad affrontare tutte le complicazioni che ne seguiranno. Perché le accuse di stupro sono più importante degli affari". Sono le parole di Steve Simon, numero uno della Wta, l'associazione che gestisce il circuito femminile a livello mondiale, alla CNN. Il tennis professionistico femminile minaccia così di lasciare la Cina in assenza di chiarimenti sulla vicenda della tennista Peng Shuai, 35 anni, che ha accusato sui social media a inizio novembre l'ex vicepremier Zhang Gaoli di averla costretta a una relazione sessuale tre anni fa, prima di farne la sua amante.

Abbonati al Corriere dello Sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti