Ranking Atp, comanda Medvedev. Sinner il primo per l'Italia

La classifica aggiornata vede ancora al primo posto il tennista russo. Gli italiani fuori dalla top 10
Ranking Atp, comanda Medvedev. Sinner il primo per l'Italia© EPA
2 min

Grazie alla conquista della finale di Cincinnati, vinta da Coric, il greco Stefanos Tsitsipas torna in top 5 nella classifica aggiornata del ranking Atp. Al primo posto comanda ancora Medvedev con 6885 punti, seguito da Zverev (5760) e Nadal (5630). Quarto è l'altro spagnolo Alcaraz, mentre Djokovic resta stabile in sesta posizione davanti a Ruud (in calo di due posti), Felix Auger-Aliassime (approdato ai quarti di finale a Cincinnati), Norrie (semifinalista a Cincinnati) e Hurkacz. Fuori dalla top ten il russo Rublev (numero 11 del mondo).

La posizione di Sinner, Berrettini e Musetti

Sinner, Berrettini e Musetti si confermano nuovamente come i primi azzurri nella classifica mondiale in singolare. Tuttavia, il 21enne di Sesto Pusteria numero 1 d'Italia è sceso di un gradino andandosi a posizionare al numero 13 e venendo scavalcato dallo statunitense Fritz. Stabile il 26enne romano che perde 80 punti ma resta in 15esima posizione dopo l'eliminazione al primo turno del '1000' di Cincinnati. Una sconfitta al debutto nel tabellone principale del torneo statunitense è arrivata anche per il 20enne di Carrara, che guadagna comunque 25 punti in virtù del superamento delle qualificazioni e compie tre passi in avanti. Musetti può così tornare alla posizione numero 30, che resta il suo miglior risultato in classifica in carriera raggiunto lo scorso 1° agosto.

Fognini e Sonego

Subito dopo i tre alfieri del tennis azzurro ci sono ancora Fognini, questa settimana stabilmente in 61esima posizione, e Sonego che dopo l'ultimo aggiornamento della classifica ha ceduto 7 posti e si trova ora al n. 63. Il primo giocatore fuori dai primi 100 del mondo si conferma Agamenone, adesso sul 109° gradino del ranking mondiale dopo averne saliti due questa settimana. Perdono invece cinque posizioni ciascuno Cobolli (numero 139), Cecchinato (numero 141) e Zeppieri (numero 146).


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti