Coppa Davis, Berrettini e Sinner stendono l'Argentina: l'Italia vola a Malaga

Il tennista romano batte il 21enne di Buenos Aires in due set con il punteggio di 6-2, 6-3, mentre l'altoatesino chiude il match contro Cerundolo in tre set (7-5, 1-6, 3-6)
Coppa Davis, Berrettini e Sinner stendono l'Argentina: l'Italia vola a Malaga
2 min
TagsBerrettiniBaezCoppa Davis

BOLOGNA - Berrettini e Sinner archiviano la pratica Argentina, portando l'Italia sul 2-0 nel girone A di Coppa Davis, in corso di svolgimento sul veloce indoor di Bologna. Il tennista romano ha sconfitto Sebastián Báez in due set con il netto punteggio di 6-2, 6-3 in un'ora e dodici minuti di gioco. Il capitano argentino Guillermo Coria ha scelto di sacrificare il numero 1 Diego Schwartzman, dopo la netta sconfitta all'esordio contro lo svedese Mikael Ymer. Jannik Sinner invece, all'esordio in questa edizione delle Davis Cup Finals, supera Francisco Cerundolo (al debutto assoluto in nazionale), in tre set: finisce 7-5, 1-6, 6-3 per l'altoatesino in 2 ore e 36 minuti di gioco. L'ultima sfida, (inutile ai fini del risultato) vede la vittoria dell'Argentina nel doppio. La coppia composta da Gonzalez e Zeballos sconfigge in tre set Bolelli e Fognini con il punteggio di 7-5, 2-6, 6-3.  L'Italia vola a Malaga per la fase finale, ma per festeggiare il primo posto nel girone bisognerà attendere la sfida contro la Svezia, in programma il 18 settembre.

Berrettini: "Più gioco, più mi sento a mio agio"

"Sono partito decisamente meglio dell'ultima volta. Dovevo ambientarmi sui campi e sono contento di come ho giocato. I complimenti in diretta di Panatta per le volée smorzate? Cerco di andare a rete il più possibile, la mia indole non è quella, visto che sono cresciuto sulla terra, ma devo farlo per faticare di meno. Spazzati via i timori per il campo da gioco? Venivo da New York e questo è un campo diverso, al chiuso. Più gioco e più mi sento a mio agio", le parole di Matteo Berrettini ai microfoni della Rai. Poi, a Sky Sport, aggiunge: "Se non avessi questo ritmo sarebbe stato molto più difficile, Baez è un giocatore molto solido. Mi sono sentito meglio rispetto all'altro singolare. Arriviamo dagli Usa, una trasferta lunga e impegnativa. Oggi la palla andava più veloce, bene così. Questo è un campo un po' più lento rispetto a New York ma posso fare qualche rotazione in più, riesco a rispondere di più e così ho più chance di brekkare".


Abbonati all'offerta Black Friday

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti