Federer, il ritiro e il retroscena: "Ho pianto, il tennis mi ha dato tutto"

Il campione svizzero ha parlato per la prima volta dopo l'annuncio del suo addio: "Sono felice della carriera che ho fatto"
Federer, il ritiro e il retroscena: "Ho pianto, il tennis mi ha dato tutto"© Getty Images for Laver Cup
2 min
TagsFederer

LONDRA (Inghilterra) - "Non è stata una giornata facile, ero molto commosso. Al momento dell'annuncio, erano più colpiti i miei genitori e Mirka, io ero un pò più rilassato. Poi ho pianto, una lacrima, forse due, ma sono felice e felice di aver fatto questo passo , sono molto sollevato e felice di aver fatto la carriera che ho fatto”. Arrivato a Londra per la Laver Cup, Roger Federer si è confidato per la prima volta dopo l'annuncio del suo ritiro sui social: "All'inizio dell'estate sentivo che i miei progressi non erano soddisfacenti - ha sipegato Re Roger - che il mio ginocchio non andava. A Wimbledon ci credevo ancora, poi ho fatto degli esami e non è stato il massimo, non c'erano progressi. Nel giro di pochi giorni ho pensato che fosse finita".

Federer: "Felice della carriera che ho fatto"

Una carriera ricca di successi e di grandi ricordi per Roger Federer che racconta i momenti più emozionanti: "Ce ne sono stati tanti. Il ritorno in Australia nel 2017 (vittoria in 5 set in finale contro Rafael Nadal), il Roland-Garros 2009 (vittoria in finale contro Robin Soderling), il 1° Wimbledon, la vittoria contro Pete Sampras nel 2001 (in 5 set) che era irreale”. Ora Federer guarda al futuro: "Vorrei organizzare un'esibizione con gli altri giocatori e spero di farlo nei prossimi 6 mesi. Io stesso non so esattamente come sarà il mio futuro, ma non vorrei averlo lontano da questo sport che mi ha dato tutto”.


Abbonati a Corriere dello sport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora ad un prezzo mai visto!

A partire da 4,99

0,99 /mese

Scopri l'offerta

Commenti