Berrettini: "Sconfitta che brucia. Con il pubblico sarebbe stato diverso"

Il tennista azzurro dopo il ko nei quarti di finale degli Internazionali d'Italia a Roma
Berrettini: "Sconfitta che brucia. Con il pubblico sarebbe stato diverso"© Getty Images

ROMA - Matteo Berrettini saluta gli Internazionali d'Italia a Roma, battuto ai quarti di finale dal norvegese Casper Ruud. Il tennista romano, a fine match, vive un misto di rimpianto e soddisfazione: "Un po' di amarezza c'è. Non sono soddisfatto, ho perso e volevo arrivare in semifinale, ma sono fiero di me", le parole del numero 8 del mondo. "Venivo dal cemento - prosegue l'azzurro - e non avevo giocato mai sulla terra. Ho giocato tre partite a livelli alti, ho dimostrato di sapermi adattare in breve tempo. Venire qui da top ten è diverso rispetto a venirci con una wild card. È stato un anno difficilissimo, tra infortuni e poche partite. Oggi sono stato molto bravo a reagire e alla fine stavo bene in campo, l'unica cosa è che andata male e di questo mi dispiace ovviamente".

La mancanza dei tifosi

Con il pubblico, sottolinea Berrettini, "sarebbe stato diverso. Non so se avrei vinto o perso, ma ci sarebbero state più energia e adrenalina. E io forse sarei stato teso. Mi ritengo non soddisfatto e felice, ma sono fiero: venivo dal cemento e da tanto non giocavo sulla terra, ho comunque dimostrato di ambientarmi bene e in poco tempo su questa superficie. Non era scontato fare i quarti qui ma un po' di amarezza c'è".

Berrettini, dal sogno alla delusione agli Internazionali di Roma
Guarda la gallery
Berrettini, dal sogno alla delusione agli Internazionali di Roma

Corriere dello Sport in abbonamento

Offerta Speciale, sconto del 56%

In occasione della ripartenza delle coppe europee puoi leggere il tuo quotidiano sportivo a soli 23 centesimi al giorno!

Offerta valida solo fino al 15 Marzo 2021

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti