Internazionali d'Italia, Sinner: "Il divertimento deve sempre esserci"

L'azzurro numero 1 a Roma parla del suo cammino nel mondo del tennis: "Non è stato semplice lasciare casa a 13 anni"
Internazionali d'Italia, Sinner: "Il divertimento deve sempre esserci"© ANSA
Tagssinnerinternazionali italia

ROMA - C'è molta attesa agli Internazionali d'Italia per il debutto di Jannik Sinner che affronterà  al 2° turno lo spagnolo Pedro Martinez. In attesa di scendere in campo l'azzurro ha parlato della sua giovane carriera in occasione di un evento al Foro Italico: "Se si vuole crescere velocemente bisogna sapersi calare nelle difficoltà, non solo il giocatore, ma le persone intorno. Devi trovare una soluzione, come in campo. Ci saranno 2-3 partite all'anno dove uno si sente bene, il resto è una lotta".

Sinner: "Ho lasciato casa a 13 anni per inseguire il sogno"

Sugli inizi della giovane carriera: "Non è stato sempre semplice, ho lasciato la mia casa a 13 anni e mezzo, mi sono mancati famiglia e amici per inseguire il sogno che avevo, ossia fare il tennista - aggiunge - Il divertimento ci deve essere sempre, altrimenti non ti alleni mattina e pomeriggio con un obiettivo in testa e non giri tutto l'anno".

Corriere dello Sport - Stadio

Abbonati all'edizione digitale del Corriere dello Sport!

Scegli l'abbonamento su misura per te

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti